#amnistia e #indulto 2014-2015? Non sono tra le priorità del Parlamento. L'ennesima doccia fredda per i detenuti che invocano indulto e amnistia 2014-2015 contro il sovraffollamento carceri arriva dalla presidente della #Camera dei Deputati Laura Boldrini. Non dice se, anche a livello personale, è favorevole a leggi straordinarie di clemenza come amnistia e indulto auspicate dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, ma la presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini, rispondendo ai detenuti che nel carcere minorile Malaspina di Palermo oggi hanno chiesto le ultime notizie su indulto e amnistia, ha detto che "l'indulto non tra le priorità del Parlamento, ma ci occuperemo delle misure alternative al carcere".

Pubblicità
Pubblicità

Amnistia e indulto 2014, ultime notizie: nuovo intervento del presidente della Camera Laura Boldrini

Non amnistia e indulto 2014-2015, dunque, ma nuove misure in favore dei detenuti e contro il sovraffollamento carceri sono infatti previste anche nella riforma della giustizia del Governo Renzi su cui sta lavorando il guardasigilli Andrea Orlando. Dopo la firma di Napolitano, è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto sulla riforma della giustizia civile, adesso si attendono i nuovi provvedimenti per la riforma della giustizia penale. Tra le norme che possono alleggerire il sovraffollamento nelle carceri previste nella riforma della giustizia le novità sull'applicazione per la custodia cautelare in carcere (ci saranno norme più stringenti) e nuovi interventi di edilizia penitenziaria.

Pubblicità

Il premier Matteo Renzi, pur avendo cambiato più volte idea sulle misure di clemenza, è al momento contrario ad amnistia e indulto che dunque trovano ancora difficoltà anche in commissione Giustizia al Senato, dove procede, seppur a rilento, la discussione sui disegni di legge per la concessione di indulto e amnistia 2014-2015. A fare da guida alla terza camera dello Stato all'interno del carcere minorile Malaspina di Palerno sono stati proprio i giovani detenuti che hanno voluto mostrare al presidente Boldrini alcune delle attività sociali, ricreative e lavorative svolte all'interno della struttura penitenziaria.