Come ogni anno, all'arrivo del caldo e della bella stagione si ripresenta il solito problema della zanzara. Un insetto da sempre fastidioso per il prurito e il bruciore che si manifesta sulla pelle dopo la sua puntura.

Fin dall'antichità il genere umano ha dovuto combattere le punture irritanti di questo insetto e per tenerlo lontano dalla propria epidermide bruciava diverse piante aromatiche che durante la combustione emanavano un odore repellente.

Pubblicità
Pubblicità

Soltanto nell'800 vennero scoperti rimedi più adeguati e adatti a risolvere il problema, precisamente alcuni estratti vegetali (succo di pomodoro, aglio, olio di oliva) che furono, agli inizi del secolo scorso, la base per individuare e impiegare molte altre sostanze come repellenti di origine naturale.

In base ad un elenco ufficiale fornito dall'Institut für Medizinische Information, le sostanze naturali con proprietà, leggermente repellente sono: l'olio di geranio, di noce di cocco, di aglio, di cannella, di garofano, di eucaliptus, di pino, di timo, di menta piperita, di anice, di lavanda, di bergamotto, di noce moscata, di citronella, di fiori di arancio, di lavanda, catrame di betulla, canfora e perfino la vitamina B1.

Pubblicità

Secondo l'Istituto Superiore di Sanità, è fondamentale, nella lotta alle zanzare, la prevenzione, pertanto possono essere utili questi piccoli suggerimenti:

  • E' importante lo svuotamento dei sottovasi, annaffiatoi e qualunque altro recipiente dove si deposita l'acqua, anche piovana, essendo l'habitat adeguato per lo sviluppo delle larve di zanzare.
  • I recipienti che non è possibile svuotare dovrebbero essere coperti con fogli di plastica.
  • E' consigliabile favorire la nidificazione delle rondini e dei pipistrelli, grandi consumatori di questi insetti.
Ci sono anche altri metodi curiosi da provare tra i quali mettere sul davanzale una piantina di basilico oppure sul terrazzo delle piante di gerani odorosi, di lavanda o di citronella, di cui le zanzare non sopportano l'odore.

Un altro suggerimento è quello di mettere una bottiglia di plastica fuori dalla finestra, a cui sono stati praticati dei fori, contenente alcune palline di naftalina.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Salute

Può essere utile versare alcune gocce di aceto e qualche fetta di limone in un recipiente a fondo piatto; vedrete che le zanzare staranno lontane.

Sono efficaci anche i classici "fornelletti", provate a inserirci invece della classica piastrina, una buccia di limone o di arancia tagliata nella stessa forma e innestate la spina: il risultato sarà garantito e inoltre l'apparecchio diffonderà nell'ambiente un gradevole profumo.

Un rimedio tecnico è quello non soltanto di applicare alle finestre dell'appartamento le zanzariere, ma anche intorno al letto, proteggendo così lo spazio di chi dorme.

Se la zanzara avesse ormai già punto è consigliabile lavare subito la zona interessata con acqua fredda e applicare del ghiaccio avvolto in un panno, per alleviare il fastidioso prurito.

Può essere applicata l'aloe, per praticità in forma gel, che svolge un'azione rinfrescante, o ancora del miele per le sue proprietà antibatteriche, mescolato con del bicarbonato.

Pubblicità

Come rimedi classici della nonna è efficace una miscela di aglio, cipolla e sale da scogliere nell'acqua, tamponando, nell'area punta, con un batuffolo di cotone. Ottimi sono anche gli olii essenziali alla melaleuca e alla lavanda, facilmente reperibili in erboristeria.



Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto