Impegnata nella terza gara per le qualificazioni ad Euro 2016, la formazione di Antonio Conte, se l'è dovuta vedere col Malta, ben al di sotto la centesima posizione nel ranking Fifa. Scopriamo insieme, risultato e sintesi del match Malta - Italia.

Malta - Italia, alla conquista del primato nel girone: dopo la risicata vittoria col risultato di 2 a 1 ai danni della modesta Azerbaijan, l'Italia di Conte se l'è vista con l'altrettanto modesta Malta. Con un po' di turnover, Antonio Conte è andato a caccia della terza vittoria nel girone. La strada per la qualificazione ad Euro 2016 vedrà la sua parte in salita nel match contro la Croazia, vero avversario di rango del gruppo.

Dopo aver battuto Norvegia e Azerbaijan, dunque tocca a Malta - Italia. Il risultato sulla carta è presto scontato, ma sul campo non è stato esattamente così. A riposo Pirlo, Zaza, De Sciglio, il mini turn over di Conte perde in brillantezza, ma non necessariamente in determinazione. La sintesi del match parla di una gara piuttosto scialba, ma in linea di massima dominata dagli azzurri.

Malta - Italia, risultato e sintesi: obiettivo punteggio pieno per le qualificazioni ad euro 2016. L'Italia gioca in sordina, contro una squadra arroccata in difesa. Il ritmo è lento e la prima conclusione pericolosa arriva addirittura dal Malta, dopo circa 15 minuti. Poco dopo è la traversa colpita da Pellè a scuotere l'Italia che passerà in vantaggio, proprio con Pellè dopo circa 21 minuti. Poco dopo il Malta resta in 10, per espulsione (eccessiva) del suo capitano.

I migliori video del giorno

Da qui in poi è gestione del risultato, tra un po' di noia e poco più. Al minuto 72, Bonucci, per un fallo non proprio da ultimo uomo, viene espulso. Altro errore arbitrale e parità numerica ristabilita. Il risultato torna in bilico, ma Conte si copre, toglie Pellè e piazza Ogbonna. Noiosamente la gara volge verso il termine e in sintesi non regala più emozioni, salvo il palo di Giovinco al minuto 91, concludendosi col risultato di 1 a 0 per l'Italia. Contro la Croazia, è certo che ci vorrà un'altra Italia per consacrare il primato nel girone.