Vidic e Dodò, e forse Hernanes e Guarin. E i dubbi sulla fascia. La prima partita stagionale dell' Inter 2.0 targata Roberto Mancini inizia così: a 48 ore dalla gara contro gli orobici, il tecnico jesino è alle prese con i primi infortuni stagionali. La pressione aumenta e l'inevitabile confronto con i predecessori durante le prime giornate èdietro l'angolo. Mancini sorride e attende, possibilmente Ivan Perisic. La trattativa prosegue e il croato sembra essere l'indiziato numero uno per ricoprire il ruolo di esterno.

Dopo le trattative con il Napoli per l'eventuale doppio scambio, l' Inter è pronta a chiudere per il croato. Le parti sono distanti ma i colpi di scena non finiscono mai, soprattutto sulla ''dead-line'' del mercato.

Inter-Atalanta, le probabili formazioni

Inter-Atalanta non è mai una partita come le altre. San Siro porta fortuna agli atalantini: nelle ultime cinque gara giocate in casa dei nerazzurri, gli orobici hanno vinto due volte e pareggiato 0-0 nel marzo 2012.

Per questo Mancini non sottovaluta l'avversario: 4-3-1-2, con Handanovic in porta e i nuovi arrivati Murillo e Miranda al centro della difesa. Sulla fascia confermato Montoya, mentre D' Ambrosio e Santon si giocano una maglia da titolare. A centrocampo Brozovic, Medel e Kondogbia formeranno la linea mediana, con Guarin in forte dubbio a causa di un affaticamento muscolare al quadricipite destro. Dietro le punte Hernanes rimane in forse, mentre Jovetic e Icardi formeranno la coppia d'attacco.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Serie A Inter

Per quanto riguarda l'Atalanta, la concorrenza in attacco aumenta giorno dopo giorno: Moralez, Denis, Pinilla, Boakye e Gomez si giocheranno i tre posti da titolari disponibili nel 4-3-3 di Edy Reja.

Inter-Atalanta, i precedenti

Come già detto, San Siro è un piccolo portafortuna per l' Atalanta. Nelle ultime dieci sfide in campionato tra i due club, il bilancio è in parità: quattro i pareggi totali e tre vittorie a testa.

Una sfida cruciale per Roberto Mancini e per il morale di tutto l'ambiente nerazzurro. Chi ben comincia è a metà dell'opera.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto