Il fatto ha avuto luogo a Diamante, in provincia di Cosenza, dove un uomo romeno di 42 anni è stato aggredito selvaggiamente dai familiari della compagna 69enne. L’uomo, come spesso accadeva, stava passando la notte a casa della sua compagna quando, verso le prime ore del mattino, i due figli della donna insieme al genero, si sono presentati a casa. I tre, che appena entrati hanno subito iniziato a litigare furiosamente con la 69enne, hanno avuto un raptus di follia quando si sono accorti della presenza dell'uomo nascosto in cucina, e così si sono avventati contro quest'ultimo con violenza.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

L'aggressione

Lo hanno picchiato selvaggiamente finché qualcuno, durante l'aggressione, ha tirato fuori un coltello a serramanico e il romeno 42enne è stato ferito più volte al volto, al fianco e all'inguine. Il massacro da parte dei tre familiari della donna è terminato solamente nel momento in cui quest'ultima ha iniziato ad urlare disperatamente per la paura.

Così, il romeno è rimasto accasciato a terra privo di sensi, mentre i tre aggressori se la sono data a gambe. La donna, rimasta sola in casa, ha chiamato immediatamente i carabinieri, ai quali, una volta arrivati sulla scena del delitto, ha raccontato tutta la vicenda.

Le ricerche

Subito dopo è iniziata una caccia all'uomo per scovare i tre familiari della donna da parte dei Carabinieri della Stazione di Diamante, insieme a due pattuglie del N.O.R.M. di Scalea che hanno setacciato fino al mattino tutta l'intera zona, fin quando non hanno scovato la figlia, M.E. ed il marito, P.A., rispettivamente di 41 e 43 anni, in un vicolo del centro storico di Diamante mentre cercavano di mimetizzarsi tra i turisti.

I due sono quindi stati arrestati dai Carabinieri che li hanno poi trasferiti presso il proprio domicilio con l'ordine di rimanere a disposizione dell’A.G., mentre l'altro figlio della donna è stato sottoposto in stato di libertà per lesioni personali aggravate in concorso. Il compagno della donna, portato in ospedale, ne avrà ancora per un mese prima di riprendersi completamente.

I migliori video del giorno