La notizia è stata riportata da diversi quotidiani del padovano e ciò che raccontano ha davvero dell’incredibile. I fatti sono accaduti all’interno di una Scuola elementare frequentata da due fratellini, uno di sette e uno di dieci anni. In preda ad una influenza di tipo intestinale il bambino più piccolo non è riuscito a trattenersi facendo la cacca addosso in classe. È stato a questo punto che la maestra ha chiamato la bidella perché si prendesse cura del piccolino, ma quello che ha fatto la dipendente della scuola ha davvero lasciato tutti a bocca aperta. Per non prendersi la briga di cambiare e pulire l’alunno, la bidella è andata a chiamare il fratello più grande, quello di dieci anni, che era impegnato nella lezione di educazione fisica, imponendogli di prenderci cura del fratellino.

Il fratello maggiore ha pulito il bambino e lo ha cambiato, ma la storia non è ancora finita e continua con altre richieste da parte della bidella. La dipendente dell’Istituto scolastico ha dato un disinfettante in mano al ragazzino di dieci anni costringendolo a disinfettare e pulire il pavimento. “Visto che ci sei – avrebbe detto la bidella- ecco spray e carta, così puoi togliere le tracce rimaste per terra e dare una lustrata al pavimento”.

La mamma si è detta amareggiata e delusa per l'accaduto

Tornato a casa il bimbo più grande ha raccontato tutto alla mamma che si è recata subito a Scuola per chiedere conto e ragione di quanto accaduto. La mamma, che ha voluto volontariamente che la notizia fosse resa pubblica, si sente amareggiata e delusa dall’accaduto perdendo fiducia in quella che dovrebbe rappresentare l’istituzione cardine per l’istruzione e la tutela dei bambini.

Al di là di quelle che saranno le responsabilità o i compiti che competono e non competono alla bidella, qui emerge un fatto del tutto umano; il bambino di 7 anni ha avuto un problema di salute, non è possibile reagire in questa maniera chiedendo al fratello maggiore, anch’egli un bambino, di pulire perfino il pavimento. Che lezione è questa?

Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!