Alexa

Scuola

Questa è la community di Scuola. Iscriviti per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie e per connetterti con gli altri membri!

Amministratore: Fulvio Papagallo

Canale seguito 1.119 Follower

Scuola

Canale

Clicca qui per seguire il Canale e rimanere aggiornato
Voglio ricevere aggiornamenti su Scuola
More
Chi segue questo canale?
Lisa Galvano
Francesca Palumbo
Luciana Gamba
Emanuela Calce
Clara Artale
Santina Bicchieri
Franco Brunamonti
1.119 Follower
Voglio ricevere aggiornamenti su Scuola

Canale Scuola: uno spazio aperto alla categoria per dar voce al mondo della scuola

Il canale scuola si pone l'ambizioso obiettivo di diventare punto di riferimento per i lettori. Ricco di argomenti vari per poter avere la massima diffusione e offrire un servizio ampio. Seguite il canale scuola per restare sempre aggiornati sulle ultime notizie.

La scuola come fase fondamentale per la crescita?

Senza dubbio gli investimenti in istruzione e cultura possono aiutare la crescita di questo paese, sia da un punto di vista della ricchezza economica che culturale. Investire in istruzione dovrebbe essere imprescindibile, in quanto solo così si possono valorizzare le risorse umane del nostro paese. Ma è questa la politica seguita dai governi del paese?

Dalla riforma Gelmini alla Buona Scuola, ecco com'è cambiata la pubblica istruzione

La crisi economica purtroppo si è abbattuta anche sull'istruzione: dal 2008 ad oggi, le risorse destinate all'istruzione sono inesorabilmente diminuite.

La riforma Gelmini ha rappresentato in questo senso uno dei momenti peggiori per la scuola italiana, con tagli drastici per circa 8 miliardi di euro, un forte ridimensionamento del personale docente e non docente e la riduzione del quadro orario. A pagarne le coseguenze sono stati prevalentemente gli istituti tecnici e professionali, con le materie di indirizzo tecnico pratiche quasi cancellate.

Ma negli anni successivi non si può dire che la situzione sia migliorata, dalla riforma Fioroni-Padoa Schioppa, che ha presentato nuovi tagli, fino ad arrivare alla tanto contestata Legge 107 del duo Renzi-Giannini, anche nota col nuome di Buona Scuola. Quest'ultima riforma ha infatti segnato una frattura insanabile con il mondo della scuola. Più precisamente, si è voluto:

  • ridurre l'autonomia dei docenti accentrando il potere nelle mani dei Dirigenti Scolastici
  • introdurre la chiamata diretta per le assunzioni
  • ridurre l'autonomia e l' autorità del collegio docenti
  • introdurre l'algoritmo che ha spedito docenti a migliaia di chilometri di distanza dalle loro famiglie
  • introdurre il blocco dei 36 mesi con licenziamenti di massa dei precari.

Insomma una riforma che ha ancora di più tutelato i docenti di ruolo a discapito dei precari diventando uno dei provvedimenti più contestati dal mondo della scuola (non si possono infatti dimenticare le contestazioni di piazza mentre nelle aule parlamentari veniva approvata la riforma con il voto di fiducia).

Istruzione: tema caldo della campagna elettorale

Sicuramente le nuove elezioni hanno contribuito a puntare nuovamente i riflettori sull'istruzione, molti partiti ne stanno facendo un cavallo di battaglia proprio perchè memori della frattura creata tra mondo della scuola ed istituzioni dalla legge 107/15. Alcuni propongono l'abolizione, altri di modificarla in maniera radicale: la scuola è un buon bacino di voti e forse i partiti hanno finalmente deciso di investire seriamente nel settore.

Cosa chiede la categoria?

I vari incontri con le rappresentanze sindacali e i suggerimenti da parte del corpo docente non hanno portato ad alcun ripensamento durante l'approvazione della legge 107, anzi: si è voluto forzare la mano mettendo la fiducia. Al futuro Governo, suggeriamo un maggiore ascolto e soprattutto maggiore coinvolgimento di chi la scuola la vive quotidianamente durante la stesura di eventuali nuove riforme. L'istruzione deve essere un servizio imprescindibile per una società ricca e moderna, a cui servono investimenti ed attenzioni particolari per dare le giuste opportunità di crescita agli studenti mettendo i docenti nelle migliori condizioni possibili per svolgere con impegno il loro lavoro.