Tragedia nella tragedia. Con la sceneggiatura di una giustizia che spesso in Italia tarda ad arrivare. Fabio Di Lello ha dunque deciso di farsi giustizia da sé. L’uomo si è avvicinato ad Italo D’Elisa, che aveva investito la moglie durante lo scorso luglio, e dopo avergli sussurrato qualche parola, lo ha ferito mortalmente con tre colpi di pistola all’addome.

Lo stesso di Lello si è costituito qualche ora più tardi ai carabinieri. Prima una visita alla tomba della moglie, dove ha lasciato l’arma del delitto in una busta di plastica, poi la telefonata ad un amico, con una vera e propria confessione su quanto accaduto.

Vasto, l’incidente mortale di Roberta Smargiassi

Fabio Di Lello era sposato con Roberta Smargiassi. La donna è stata coinvolta in un incedente mortale durante lo scorso luglio. Roberta era sul suo scooter, quando è stata investita da una Fiat Punto guidata dal ventenne. L’autovettura non si era fermata al rosso e ha colpito la donna, sbalzandola dal mezzo e ferendola mortalmente.

Il ragazzo è stato successivamente indagato per omicidio stradale, ma questo non è bastato a Fabio Di Lello, che ha deciso di farsi giustizia da solo. Tre colpi che hanno stroncato la vita del ragazzo.

La rabbia social

Divisione e rabbia anche sui social network, che hanno commentato l'accaduto. Molti sottolineano come farsi giustizia da soli rischia di scatenare una serie di eventi concatenati.

"Se l'uomo era distrutto ed è giustificato ad uccidere, cosa devono fare i familiari della vittima?". Un pensiero logico, che sottolinea come sia giusto affidarsi alla giustizia, anche se spesso si imbrigliati nella burocrazia.

Molte persone hanno preso le difese di Di Lello, giustificato dal fatto che fosse un uomo distrutto.

Sicuramente l'uomo non "aveva niente da perdere", come sottolineano in molti. Ma resta il fatto che un giovane è stato ucciso come in un regolamento di conti. Spesso però si perde di vista il problema principale, ovvero che questa è una vera e propria tragedia nella tragedia. E soprattutto un omicidio, di qualsiasi tipo esso sia, non andrebbe mai giustificato.

Segui la nostra pagina Facebook!