Il primo paziente rilevato con COVID-19 è stato nel dicembre 2019 a Wuhan, secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Tuttavia, questa notizia è stata nascosta dal governo cinese per mesi. Il governo cinese, se ha messo in atto una campagna di propaganda sul Coronavirus, non è l'unico argomento in merito al quale ha condiviso informazioni fuorvianti e non veritiere. Ecco le affermazioni più condivise da Pechino, nessuna delle quali è attendibile.

DICEMBRE 2019

Affermazione: la Cina dichiara che il coronavirus non è contagioso per gli esseri umani.

Fatti: Il 31 dicembre 2019, la Commissione sanitaria municipale di Wuhan ha dichiarato: "L'indagine finora non ha trovato alcuna trasmissione chiara da uomo a uomo e nessuna infezione del personale medico". Questa dichiarazione è durata fino al 20 gennaio, l'ultima volta che la Commissione sanitaria municipale di Wuhan ha diffuso questa notizia sul loro bollettino quotidiano: "non sono stati trovati casi correlati tra gli stretti contatti".

Verità: Alla fine di gennaio, una delegazione dell'OMS si è recata a Wuhan per una visita sul campo e ha concluso che "lo sviluppo del nuovo kit di test a livello nazionale suggerisce che la trasmissione da uomo a uomo sta avvenendo a Wuhan". Prima di allora, giornali come il Times e organizzazioni nazionali come l'OMS, concordavano con la disinformazione della Cina, che ha portato milioni di persone a lasciare Wuhan, trasportando il virus in tutto il mondo.

MARZO

Affermazione: il governo cinese incolpa gli Stati Uniti per il coronavirus

Fatti: Nel marzo 2020, il consigliere per la sicurezza nazionale di Trump, O'Brien, ha detto: "Probabilmente la comunità internazionale ha perso tempo per due mesi, durante i quali avremmo potuto ridurre drasticamente quanto accaduto in Cina e quanto sta accadendo ora in tutto il mondo".

A seguito di questa affermazione, il portavoce del Ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian ha risposto su Twitter: "Quando è stato registrato il paziente zero negli Stati Uniti? Quante persone sono infette? Quali sono i nomi degli ospedali? Potrebbe essere stato l'esercito americano a portare l'epidemia a Wuhan. Siate trasparenti! Rendete pubblici i vostri dati!

Gli Stati Uniti ci devono una spiegazione!" Ha scritto Zhao.

Verità: Secondo quanto afferma l'Organizzazione Mondiale della Sanità sul suo sito web, "I primi casi umani di COVID-19, la malattia causata dal nuovo coronavirus che ha provocato COVID-19, successivamente denominata SARS-CoV-2, sono stati segnalati per la prima volta dai funzionari della città di Wuhan, in Cina, nel dicembre 2019".

APRILE

Affermazione: gli operatori sanitari delle case di cura francesi hanno abbandonato il loro lavoro, condannando i residenti alla morte.

Fatti: Un articolo francese pubblicato sul sito web dell'ambasciata cinese sostiene che gli operatori sanitari delle case di cura occidentali hanno abbandonato il loro lavoro, abbandonando i residenti alla morte. L'articolo aggiunge che 80 legislatori francesi hanno cofirmato una dichiarazione riguardante il direttore generale dell'OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus: "L'OMS è stata oggetto di un vero e proprio assedio da parte dei Paesi occidentali, alcuni hanno addirittura lanciato attacchi ad-hominem contro il suo direttore generale, il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus", si legge nel testo. "Le autorità taiwanesi, sostenute da oltre 80 parlamentari francesi in una dichiarazione cofirmata, hanno addirittura usato la parola "negro" per attaccarlo.

Ancora non capisco cosa possa essere passato per la testa di tutti questi rappresentanti eletti francesi", continua l'articolo.

Verità: Dopo la pubblicazione di queste accuse, il governo taiwanese ha risposto dicendo che "l'ambasciata cinese nel tweet francese ha costruito qualcosa dal nulla". La Reuters conferma che non è stata trovata alcuna prova che dimostri che i legislatori francesi abbiano condiviso queste parole, né che le autorità taiwanesi abbiano insultato Tedros. Dopo la pubblicazione dell'articolo controverso, l'ambasciata cinese ha condiviso una risposta dichiarando: "Speriamo che non ci siano malintesi, la parte cinese non ha mai fatto un commento negativo sulla gestione francese dell'epidemia, e non ha alcuna intenzione di farlo".

L'articolo continua ad essere pubblicato sul sito web dell'ambasciata.

LUGLIO

Affermazione: la Cina ha segnalato una polmonite peggiore del COVID-19 in Kazakistan

Fatti: Il 9 luglio, l'ambasciata cinese in Kazakistan ha avvertito i cittadini cinesi sull'applicazione WeChat su un "aumento significativo" dei casi di polmonite nella nazione dell'Asia centrale. Ha descritto la malattia come "molto più letale" della pandemia di coronavirus.

Verità: il 10 luglio, il ministero della salute del Kazakistan ha smentito le informazioni condivise dai media cinesi, descrivendo la dichiarazione dell'ambasciata come una "notizia falsa" e ha detto: "Le informazioni pubblicate da alcuni media cinesi su un nuovo tipo di polmonite in Kazakistan non sono corrette".

L'OMS ha reagito in una conferenza stampa il 10 luglio. Michael Ryan, direttore esecutivo del programma di gestione delle emergenze sanitarie, ha detto che la polmonite potrebbe in realtà trattarsi di casi di Covid-19 che sono stati diagnosticati in modo errato, a causa di test di scarsa qualità. "Anche se crediamo che molti di questi casi saranno diagnosticati con Covid-19, manteniamo un atteggiamento trasparente. Lavoriamo con le autorità locali per assicurarci che questo sia vero", ha detto il medico.

NOVEMBRE

Affermazione: L'immagine mostra un soldato australiano che uccide un bambino afgano

Fatti: Un post su Twitter di Zhao Lijian, portavoce del Ministero degli Esteri cinese, mostra l'immagine di un soldato australiano che stringe un coltello insanguinato al collo di un bambino con un agnello in braccio.

"Sconvolto dall'omicidio di civili afghani e prigionieri da parte di soldati australiani. Condanniamo fermamente questi atti, chiediamo che siano processati i responsabili", si legge nel post.

Verità: Secondo informazioni provenienti da diversi canali di fact-checking, l'immagine condivisa è stata manipolata digitalmente. In risposta al post di Lijian, il primo ministro australiano, Scott Morrison, ha chiesto delle scuse al governo cinese e ha affermato che Pechino dovrebbe "vergognarsi" per aver condiviso un'immagine "disgustosa". Il post di Lijian è arrivato dopo che l'esercito australiano ha annunciato di aver riscontrato "informazioni attendibili" secondo cui 25 soldati australiani sarebbero stati coinvolti nell'omicidio di 39 civili e prigionieri afghani tra il 2009 e il 2013.

NOVEMBRE

Affermazione: la Cina sostiene che l'Italia potrebbe essere il luogo di nascita della pandemia di COVID-19

Fatti: I media statali cinesi hanno lanciato l'idea che l'Italia potrebbe essere il luogo di nascita della pandemia di COVID. A sostegno di questa affermazione, il governo e i media si sono avvalsi di uno studio condotto dall'Istituto Nazionale Tumori (INT) di Milano, che ha rivelato prove della presenza di coronavirus in circolazione nel Paese europeo tre mesi prima della conferma della sua diffusione nella città cinese di Wuhan. Il portavoce del Ministero degli Esteri cinese ha dichiarato: "Questo dimostra ancora una volta che rintracciare la fonte del virus è una questione scientifica complessa che dovrebbe essere lasciata agli scienziati.

È un processo di sviluppo che può coinvolgere più paesi", ha aggiunto.

Verità: Un virologo del Francis Crick Institute di Londra, il professor Jonathan Stoye intervistato dal The Guardian, ha dichiarato che i campioni dell'unità di oncologia sembrano "deboli": "I dati sierologici [dall'Italia] possono essere spiegati molto probabilmente con anticorpi cross-reattivi diretti contro altri coronavirus". Pertanto, gli anticorpi trovati dall'unità oncologica in Italia erano stati rinvenuti in persone che erano state infettate da altri coronavirus diversi da COVID-19.

Il virologo ha aggiunto: "Quello che sembra certo è che i primi casi registrati della malattia sono stati registrati in Cina". "Rimane quindi molto probabile che il virus abbia avuto origine in Cina", ha aggiunto Stoye, citato dal Guardian.

DICEMBRE 2020

Affermazione: la Cina accusa il Papa di condividere "osservazioni infondate" sugli uiguri

Fatti: il Papa ha pubblicato il suo libro "Ritorniamo a sognare. La strada verso un futuro migliore", il 1° dicembre, in cui scrive: "Penso spesso ai popoli perseguitati: i rohingya, i poveri uiguri, gli yazidi".

Dopo aver letto questo commento, il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian ha respinto questa affermazione sugli uiguri, dicendo durante una conferenza stampa: "Il governo cinese ha sempre protetto i diritti legali delle minoranze etniche in egual misura. Le persone di tutte le etnie dello Xinjiang godono della piena protezione dei loro diritti di sussistenza, dei diritti allo sviluppo e della libertà religiosa". "Le osservazioni di papa Francesco sono infondate", ha aggiunto Zhao.

Verità: la comunità uigura ha condiviso con la Corte penale internazionale, a luglio, un solido dossier di prove che dimostrano che la Cina ha rinchiuso più di un milione di Uiguri e altre minoranze musulmane nei campi e ha imposto la sterilizzazione forzata delle donne. Il 14 dicembre la Corte penale internazionale ha risposto: ha deciso di non poter agire perché i presunti crimini sono avvenuti sul territorio della Cina, che non aderisce alla Corte penale internazionale dell'Aia, lo riporta la AFP.

Tuttavia, gli uiguri sono sostenuti da leader religiosi, gruppi di attivisti e governi che hanno segnalato i "crimini contro l'umanità" e paragonato le loro condizioni a un "genocidio" che ha ucciso più di un milione di persone detenute nei campi, come conferma la Reuters.

Segui la nostra pagina Facebook!