Genesi, la personale dell'artista Sebastião Salgado, fa tappa a Forlì. Inaugurerà il 28 ottobre l'esposizione che, ospitata presso la Chiesa di San Giacomo in San Domenico, sarà visibile al pubblico fino al 29 gennaio 2017. Iniziato nel 2003, il progetto Genesi è composto da oltre 240 fotografie in bianco e nero scattate in dieci anni attraverso le quali il celebre artista racconta la bellezza del nostro pianeta regalando al pubblico emozioni uniche e potenti.

La mostra, curata da Lèila Wanick Salgado, ed espone immagini realizzate dall'autore con lo scopo di immortalare un'armonia tra esseri viventi e natura, un equilibrio raro, ma ancora esistente: quello degli animali immortalati nel loro habitat o delle popolazioni indigene. Le foto di Salgado sono un inno alla Terra e al tempo stesso un monito affinché la distruzione della natura operata dall'uomo trovi una fine, preservando almeno le zone del mondo ancora incontaminate.

Un tema dunque incredibilmente attuale quello affrontato dal fotografo che, attraverso questo lavoro di ricerca durato dieci anni, vuole comunicare un messaggio importante attraverso immagini evocative, grazie alla indiscussa sensibilità artistica che lo caratterizza e che lo rende uno dei fotografi viventi maggiormente apprezzati nel panorama della fotografia contemporanea

Di lui il mondo intero apprezza non soltanto la qualità delle immagini, tecnicamente perfette e in grado di trasmettere i messaggi chiari, forti e coerenti, ma anche la forte sensibilità umana: la sua carriera di fotografo è stata infatti caratterizzata da un'attenzione costante per tematiche sociali. L'autore si è così avvicinato a situazioni di disagio che lo hanno colpito innanzitutto come essere umano, oltre che come fotografo, innescando in lui la missione di denunciare la sofferenza umana.

I migliori video del giorno

Forlì, dopo aver ospitato Steve McCurry, accoglie quindi il fotografo brasiliano. La mostra è promossa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Forlì in collaborazione con il Comune di Forlì ed organizzata da Civita Mostre in collaborazione con Contrasto.