Sembra proprio non sbagliarne una Paolo Sorrentino. Il regista italiano vincitore del premio oscar per La grande bellezza ha esordito ieri, venerdì 21 ottobre, su Sky Atlantic HD e Sky Cinema 1 HD con la serie tv The Young Pope: un successo annunciato confermato dai numeri degli ascolti.

953 mila spettatori hanno seguito i primi due episodi andati in onda, record assoluto per il debutto di una serie tv su Sky, battendo addirittura le tanto acclamate Gomorra, Games of Thrones e House of Cards. Protagonisti Jude Law, Diane Keaton, Silvio Orlando, Cécile de France e James Cromwell. The Young Pope è la storia del giovane cardinale Lenny Belardo, un personaggio tormentato dal suo passato, in quanto è stato abbandonato da piccolo in un orfanotrofio.

Il protagonista non nasconde il suo rapporto turbolento con Dio. Quando viene eletto Papa ribalta completamente le aspettative del collegio cardinalizio, che deve così ricredersi sulla possibilità di aver trovato una pedina facile da manovrare. Da Papa, infatti, Lenny Belardo, ovvero Pio XIII, si mostra un personaggio controverso che darà filo da torcere a chi voleva fare di lui un burattino.

"La cosa più semplice è stata quella di relazionarmi a questo lavoro come a lunghissimo film", ha dichiarato il regista ad un incontro con gli studenti della Luiss, "era un modo per sentirmi a casa. Poi strada facendo, ho cominciato a imparare i meccanismi delle serie, dandomi delle regole. Io ho iniziato come sceneggiatore e non mi è stato difficile. E quindi questo lungo film di dieci ore è diventato una serie televisiva".

I migliori video del giorno

Dopo sei Nastri d'Argento, cinque David di Donatello e un Premio Oscar, Sorrentino non si ferma e mette a segno un altro colpo con questa serie televisiva, visionaria e intrigante, come sono tutti i suoi lavori. Il tocco dell'artista-maestro del cinema italiano è ben visibile sin dalle prime inquadrature: l'attenzione per la fotografia, le musiche, le suggestioni degli ambienti sono tutte caratteristiche di quel Sorrentino che è motivo di orgoglio per il cinema italiano.