Mentre il primo trailer mostrava una Terra lasciata in cenere dallo schiocco di Thanos, il secondo rilasciato da pochi giorni preferisce concentrarsi sui supereroi "risparmiati", quelli che hanno sancito il successo immediato della Marvel e dato il via al suo universo cinematico. E' come se il trailer volesse sottolineare che siamo davvero arrivati alla resa dei conti, alla parola Fine e che tutti i film precedenti, resi in un lucente bianco e nero, non erano altro che introduzioni necessarie per arrivare qui, all'Endgame citato da Doctor Strange.

Pubblicità

Ma veramente siamo arrivati a questo punto? E' la domanda che si pone lo spettatore mentre scorrono le immagini di un Tony Stark dentro la sua prima armatura, appena fuggito dai terroristi islamici, di uno Steve Rogers gracile ed emaciato durante gli anni Quaranta, di un Thor capellone a colloquio con il padre Odino. Emotivamente il risultato è ancora più forte, visto che queste scene sono state montate per creare un contrasto con le situazioni attuali dei personaggi, chi alla deriva nello spazio più profondo, chi a confrontarsi con il più grave genocidio di massa nella storia umana.

La fine di Infinity War ha cambiato i nostri Originals e ne è testimonianza la trasformazione di Occhio di Falco in Ronin, un personaggio che sembra essere davvero più violento rispetto al passato, forse segnato da un lutto familiare.

Il grande assente è in questo trailer è ovviamente il villain Thanos (non che nel primo fosse così centrale) ma comunque non poteva essere altrimenti in due minuti e mezzo di speranza che vogliono motivare il pubblico e spingerlo a credere ancora in questa scalmanata banda di uomini e donne in tuta, nonostante le enormi difficoltà.

Pubblicità

Che ne sarà dei nostri eroi? Le tante ipotesi

Tantissime sono le ipotesi su come gli Avengers riusciranno a sconfiggere il Titano Pazzo ed a ripristinare l'equilibrio originale. Cosa che sicuramente accadrà, vista anche la presenza di alcuni personaggi scomparsi in sequels (già uscito il trailer del secondo capitolo di Spider-Man, Far From Home).

Difficile credere che tutto si risolverà con una scazzottata vinta grazie all'aiuto della new entry Captain Marvel o al senso di colpa di Thanos che, mosso dal coraggio dei nostri, schioccherà le dita per ottenere un effetto contrario.

Viaggi nel tempo? E' la tesi che sta avendo sempre più maggior accredito tra i fans, confermata anche dal fatto che alcune scene sono state girate per ricreare la battaglia di New York, punto cruciale del primo capitolo. Magari sfruttando il surreale Regno Quantico, tanto conosciuto da Ant-Man, riusciranno ad accedere a realtà alternative, che permetteranno loro di annullare la decimazione effettuata da quell' "omone viola" o, addirittura, fare in modo che non sia mai avvenuto. E' anche possibile che uno degli Originals ci lasci la pelle, sacrificandosi per il bene dell'umanità e le quote vedono un ballottaggio tra Iron-Man e Captain America, con il personaggio di Chris Evans leggermente in vantaggio, a causa di quei problemi contrattuali che per adesso lo escludono dai film successivi della Marvel.

Pubblicità

Tutte queste supposizioni non fanno altro che confermare l'attesa per quello che si preannuncia come il film imperdibile del 2019, per fans e non, nella speranza di uscire dalla sala cancellando lo shock provocato dal finale di Infinity War, ma sorridendo ed esultando per aver assistito ad uno splendido lieto fine, come nelle migliori favole.