Ha fatto scalpore, specie su internet, un articolo pubblicatoda Business Insider e poi riproposto da Wall Street Italia, di un ragazzostatunitense, tale Brandon, che a 32 anni possa permettersi il lusso diandare in pensione.

Il giovane programmatore di software ha deciso di risparmiareil 70% delle sue entrate e investire sui conti pensionistici a contribuzionepassiva. Questo gruzzoletto che a detta di lui ammonta a 25 volte le suespese annuali avrebbe un ritorno annuale del 5% permettendoli di vivere direndita.

Leggere un articolo così risulta essere una veraprovocazione per gente che di anni ha lavorato 40 e la pensione ancora non lavede.

Ovviamente un discorso simile nel nostro paese è impossibile ma Brandonnon ha scoperto l’acqua calda.

Anzitutto c’è da chiedersi: ma quanti soldi ha fatto inquesti anni? Se è riuscito con uno stipendio da 1.000 euro allora è un genio; mauno che guadagna (meritatamente) 10 mila al mese, anche senza tutti questi 'sotterfugi' e con una pianificazione economica di base, potrebbe vantare lastessa cosa.

Poi non ci spiega dove vive e quanto spende. Per i nostrigiovani tra mutuo/affitto, auto, benzina, bollette e spesa per vivere, sarebbe impossibileaccantonare il 70% dello stipendio; ma anche questo discorso è legato a quanto uno guadagna.

L'articolo però ha toccato un tasto dolente del nostro Paese: la previdenza complementare o integrativa.

Attraverso l'adesione a strumentiprevidenziali collettivi o individuali (fondi pensione, gli stessi che ha usato Brandon per garantirsi la 'pensione'), la previdenzacomplementare offre ai cittadini la possibilità di costituire una pensioneaggiuntiva, che integra in tutto o in parte le prestazioni erogate dal sistemaad adesione obbligatoria.

Il vero problema è che nel nostro Paese la previdenza complementareè volontaria e libera - seppur fortemente incentivata dallo Stato - ma in pochicomprendono il suo reale valore e la sicurezza aggiuntiva che offre per ilfuturo. L’introduzione del sistema di calcolo contributivo per la pensione dibase potrebbe cambiare tutto questo.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la pagina Offerte Di Lavoro
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!