La privacy degli utilizzatori di smartphone e tablet sarebbe a forte rischio perché diversi applicativi condividono le informazioni personali degli utenti anche senza che quest'ultimi abbiano prestato alcun consenso. L'argomento della protezione dei dati personali è da sempre al centro dei problemi legati all'utilizzo smodato di Internet, soprattutto in mobilità.

Normalmente il dito è sempre stato puntato sul sistema operativo Android, che notoriamente ha una gestione dei permessi delle applicazioni molto più bassa rispetto a quella dell'OS di casa Apple.

Mentre Google inizia il rollout di Marshmallow, che promette di garantire un livello di protezione molto alto dei dati personali, arriva come un fulmine a ciel sereno la notizia secondo la quale sia iOS che Android metterebbero a rischio la privacy degli utenti. Alla base della notizia shock c'è la ricerca condotta dalle università di Harvard e Carnegie-Mellon. I ricercatori hanno esaminato a fondo ben 110 applicazioni disponibili sia sul Google Play Store che sull'Apple App Store.

Google e Facebook i maggiori destinatari dei dati rubati

Molti degli applicativi esaminati trasmettono informazioni ai più noti siti web che quotidianamente utilizziamo e dai quali, sebbene siano piattaforme che vivono di pubblicità, non ci aspetteremmo l'utilizzo di metodi così poco ortodossi.

Google, Facebook ed Apple. I maggiori siti destinatari delle informazioni recuperate tramite gli applicativi sono proprio quelli chein teoria dovrebbero proteggerci, Facebook escluso ovviamente.

L'OS Android avrebbe applicativi più inclini a trasmettere indirizzo email e nome dell'ignaro utente, mentre le applicazioni che girano sul sistema operativo della mela morsicata sarebbero più interessati alla condivisione dei dati di geolocalizzazione.

A riguardo degli applicativi di fitness, 3 su 30 analizzati tenderebbero a condividere con i server tutte le parole ricercate online dagli utenti oltre ai dati personali caricati all'interno dell'applicazione stessa.

Segui la pagina Google
Segui
Segui la pagina Tecnologia
Segui
Segui la pagina Apple
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!