La Rai manda in onda una nuova mini serie per raccontare gli uomini e le donne che hanno fatto la storia recente del nostro Paese. Mister Ignis è il film che andrà in onda Lunedì 12 e martedì 13 maggio su Rai Uno alle ore 21.10. Con Lorenzo Flaherty nei panni di Giovanni Borghi, fondatore della Ignis, Anna Valle nei panni di Maria e Massimo Dapporto nei panni del padre di Giovanni, Guido Borghi.

Il film è stato prodotto dalla Martinelli Film (Il mercante di pietre, Vajont) nel 2012, diretto dal regista Luciano Manuzzi. Nel cast anche Piotr Adamczyk, che nel film “Karol - Un uomo diventato Papa”, veste i panni del giovane Wojtyla.

Esiste anche il libro “Mr Ignis” Giovanni Borghi: un sogno americano nell'Italia del miracolo, di Gianni Spartà, Mondadori 2009. L'autore racconta la storia di un uomo che ha contribuito a fare l'Italia di quegli anni straordinari.

La storia di Giovanni Borghi e della Ignis

Giovanni Borghi lavorava presso la bottega di elettricista del padre Guido, quando nel 1943 furono costretti a scappare da Milano e rifugiarsi nella casa di campagna a Comerio in provincia di Varese, a nord verso il Lago Maggiore, a 64 Km di distanza da Milano con l'attuale Autostrada A8, che allora non c'era. I bombardamenti degli anglo-americani seminavano morte in città, distruggendo ogni edificio compresa la casa e la bottega dei Borghi.

A Comerio per sopravvivere iniziarono a riparare fornelli elettrici, ferri da stiro, le cucine a legna.

I migliori video del giorno

Giovanni in particolare mise in campo tutto il suo ingegno, trasformando cucine a legna in cucine elettriche. Il primo stabilimento nasce proprio grazie all'idea di produrre e commercializzare cucine elettriche.

L'idea funziona e la Guido Borghi e figli, diventa una grande industria che ora vende cucine a gas, quel gas che Enrico Mattei portò nelle case degli italiani con la Eni, ma questa è un'altra storia già raccontata in TV.

Giovanni ora cerca una grande idea pubblicitaria per rendere la sua azienda leader del settore e poter così portare nelle case di tutti gli italiani il frigorifero. Nasce la IGNIS grazie a un'idea, si narra, di un suo cliente che ne capiva di latino. I frigoriferi Ignis portano il progresso nel paese con lo slogan coniato nel 1954 “Ignis, frigoriferi d'Italia”.

Giovanni comprende anche che, in una nazione dove lo sport la fa da padrona, bisogna veicolare il messaggio pubblicitario i valori dei suoi prodotti attraverso lo sport. E per questo la sua azienda sponsorizzerà le squadre e gli sportivi di tantissime discipline. Formò la sua squadra di ciclismo IGNIS, finanziò gli atleti del pugilato, la pallacanestro di Varese, il Varese calcio che in quegli anni poté competere in serie A, il canottaggio con la Canottieri Ignis dalla quale uscirono campioni olimpici. #Serie TV