Cronaca Nera

Cronaca nera: aggiornamenti e approfondimenti sui casi più discussi di cronaca.

1.Cos'è oggi la cronaca nera?

La cronaca nera, e quindi l'informazione riguardante i delitti, come ad esempio gli omicidi, è entrata oggi nelle nostre vite sotto forma di intrattenimento, tanto da non sapere più individuare ciò che è notizia e ciò che è mera spettacolarizzazione. Dopo i primi clamori spesso ci dimentichiamo e passiamo al caso successivo. Questo canale vuole invece tenervi costantemente informati sui principali fatti di cronaca, dandovi vari punti di vista sui casi proposti e cercando di essere il più veritiero e puntuale possibile.

2.Indagini e scienza: quanto contano le intuizioni?

Daremo spazio alle prove scientifiche, ai dubbi, alle piste investigative sempre nel rispetto delle vittime e di coloro che cercano la verità. Cercheremo di riportare la cronaca alla sua primaria funzione: narrare un fatto secondo la scrupolosa successione cronologica e logica. Ricordandoci sempre che sono fatti reali. E che dietro un dolore, un omicidio, un reato ci siano persone in carne ed ossa, che soffrono e che meritano giustizia.

3.Quali aggiornamenti ci sono sul caso Denise Pipitone?

La scomparsa di Denise Pipitone è un caso di cronaca avvenuto il primo settembre del 2004 a Mazzara del Vallo (Trapani) quando la bambina, che all'epoca aveva quasi quattro anni, sparì mentre si trovava nelle vicinanze della casa della nonna materna. Da allora sono arrivate tantissime segnalazioni riguardo presunti avvistamenti della piccola. Il caso si è riacceso nel 2021 quando - il 31 marzo - un'infermiera aveva segnalato, al programma Chi l'Ha visto?, una forte somiglianza tra una ragazza di vent'anni, ospite in un programma russo, e Piera Maggio, madre di Denise. L'esame del Dna non ha mostrato compatibilità tra la ventenne e la bambina scomparsa. Il 3 maggio, la procura di Marsala, è tornata a indagare sul caso e il 27 maggio viene chiesta una commissione d'inchiesta parlamentare per analizzare possibili depistaggi e anomalie nelle precedenti indagini. Al momento non si hanno piste certe che possano portare al ritrovamento della ragazza.

Alcune delle ultime notizie sul caso:

4.Quali sono gli sviluppi del caso Saman Abbas?

Saman Abbas era una ragazza di origine pachistana scomparsa da Novellara - in provincia di Reggio Emilia - agli inizi di maggio 2021. Il caso fu inizialmente trattato come una possibile fuga o sequestro, poi si scoprì che la ragazza si era opposta al matrimonio organizzato dai genitori con un cugino del Pakistan. Infine, a confermare l'ipotesi dell'omicidio, è stato il fratello 16enne della ragazza che confessò come parte della famiglia - madre, padre, zio e due cugini - erano coinvolti nel caso. Per l’omicidio sono indagati la madre e il padre della 18enne, partiti per il Pakistan il primo maggio, Shabbar Abbas, 47 anni e Nazia Shaheen, 46 anni; lo zio Danish Hasnain, 33 anni, secondo gli investigatori sarebbe l’esecutore materiale e il cugino 35enne Nomanhulaq Nomanhulaq, entrambi ricercati in Europa. Unico arrestato fino ad ora: Ikram Ijaz, un altro cugino, fermato il 28 maggio su un pullman diretto in Spagna dalla Francia, per il quale il riesame ha confermato la custodia cautelare. Dopo 67 giorni, il 12 luglio, le ricerche del corpo della 18enne sono state sospese.

I recenti sviluppi del caso:

5.L'abc per capire meglio i fatti di cronaca: presunto innocente o presunto colpevole?

Partiamo da alcuni presupposti che saranno utili, in futuro, a comprendere meglio le fasi investigative e processuali dei casi trattati.

- Presunto innocente / colpevole: l'art. 27, comma 2 della Costituzione Italiana afferma che "l'imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva". Scrivendo "non è considerato colpevole" anziché semplicemente "innocente", la nostra Costituzione lascia così aperte tutte le porte. Più incisiva e chiara la Convenzione europea dei Diritti dell'uomo, Art. 6, comma 2: "Ogni persona accusata di un reato è presunta innocente sino a quando la sua colpevolezza non sia stata legalmente accertata".

- Le indagini preliminari servono alla polizia giudiziaria e alla magistratura per raccogliere le prove per stabilire se ci siano i presupposti per un'azione penale. Quindi tali prove possono essere sia pro che contro l'indagato. Il PM nei casi di reati gravi può tenere segrete le indagini anche con lo scopo di non contaminare le prove.

- Il processo penale può arrivare fino a tre fasi: primo grado di giudizio, Corte d'Appello e Cassazione. La Cassazione non prevede l'ammissione di nuove prove o la rivalutazione di quelle già presenti al processo, ma solo di verificare che la legge, nei primi due gradi di giudizio, sia stata doverosamente applicata.

Chi segue il Canale Cronaca Nera?

Rosa Baio Irina Alupei Rosa Pasquale Salvina Curatola Anna Covino Maria Tamburrano Ariel Brau
author-avatar

Piera Lombardi

author-avatar

Pietro Zangrillo

author-avatar

Meri Nigro

author-avatar

Francesca Zanolli

author-avatar

Marco Della Corte

author-avatar

Piera Lombardi

author-avatar

Francesca Zanolli

author-avatar

Michele Caltagirone

author-avatar

Francesca Zanolli

author-avatar

Piera Lombardi

author-avatar

Francesca Zanolli

author-avatar

Meri Nigro

author-avatar

Francesca Zanolli

author-avatar

Francesca Zanolli

author-avatar

Michele Caltagirone

author-avatar

Roberta Verde

author-avatar

Francesco Mario Passaro

author-avatar

Francesco Mario Passaro

author-avatar

Piera Lombardi

author-avatar

Pietro Zangrillo

author-avatar

Barbara Lo Conte

author-avatar

Francesca Zanolli

author-avatar

Michele Caltagirone

author-avatar

Piera Lombardi

author-avatar

Francesca Zanolli

author-avatar

Piera Lombardi

author-avatar

Luca Cimini

author-avatar

Piera Lombardi

author-avatar

Francesca Zanolli

author-avatar

Michele Caltagirone

author-avatar

Davide Marano

author-avatar

Pietro Zangrillo

author-avatar

Piera Lombardi

author-avatar

Marco Della Corte

author-avatar

Francesca Zanolli

Questo Canale è curato dal nostro esperto
Massimiliano Mattiello was born in Naples in 1991 and he lives in Rome since 2009. He is a contributing content manager for Blasting News. Massimiliano earned a master's degree in journalism from "Giorgio Bocca" school of journalism in Turin and he worked for HuffPost, TPI and AGI.
Suggerisci una correzione