Ha fatto la sua apparizione a Puente Viejo da poche ore riuscendo subito a catturare l'attenzione dei telespettatori: stiamo parlando di Fernando, il figlio che Olmo Mesia ha avuto dalla propria insegnante diversi anni prima, quando ancora l'assassino di Donna Agueda frequentava i banchi di scuola (a patto che ce ne fossero nella Spagna di fine 800). Siete fuori strada se pensate che Fernando avrà un ruolo di semplice comparsa nelle prossime puntate: infatti il figlio del Mesia è destinato a diventare uno dei protagonisti della seconda stagione de Il Segreto

TU QUOQUE - Buon sangue non mente, sebbene in questo caso gli abitanti di Puente Viejo ne avrebbero fatto volentieri a meno, sopratutto una ragazza che adesso è ancora bambina: Fernando Mesia, questo il nome del prossimo dark man della soap opera spagnola di Canale 5, figlio appunto di quell'Olmo che con il passare degli anni subirà una lenta ma inesorabile trasformazione (positiva). 

MADRINA - Pochi giorni fa è nata la santa alleanza tra donna Francisca e Mesia senior, patto di ferro destinato a creare sfracelli tra gli abitanti e sopratutto le terre del piccolo paesino spagnolo.

Tra le altre cose l'accordo tra la Montenegro e Olmo coinvolgerà Fernando: oltre al titolo di padrina (Corleone style), Francisca otterrà anche quello di madrina, del piccolo Mesia appunto. Sarà proprio la Montenegro, che nel frattempo avrà decretato la fine terrena della levatrice, a muovere nuovamente i fili della relazione principe a cui assisteremo nella seconda stagione, quella tra Maria e l'ormai adulto Martin. 

TRIANGOLO - Il nuovo capitolo de Il Segreto vivrà principalmente del triangolo "amoroso" formato da Fernando, Maria (la figlia di Emilia of course) e Gonzalo, ovvero il Martin in versione adulta: Francisca spingerà Maria a sposare Fernando, con Martin a ricoprire il ruolo di guastafeste spingendo tra le sue braccia la futura adultera Maria, che conoscerà l'onta del carcere dal quale riuscirà comunque a salvarsi.

I migliori video del giorno

Attenzione dunque a Fernando, risentiremo presto parlare di lui.