Ieri venerdì 21 novembre è andata in onda la semifinale di Tale e quale show 2014, la replica è disponibile sul sito Rai Tv nella sezione Rai Replay fino a venerdì prossimo. Ad aggiudicarsi la decima puntata del varietà di Raiuno è stata Rita Forte, che ha interpretato Dionne Warwich con il brano Starting over again. Al secondo posto si piazza Alessandro Greco con l'interpretazione di Barry White mentre terza Serena Rossi (Laura Pausini), che nella precedente puntata aveva emozionato un po' tutti, giuria pubblico e telespettatori, insieme a Matteo Becucci in Vivo per lei interpretando magistralmente una cantante tra virgolette unica come Giorgia.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Serie TV

Stavolta non è andata benissimo per Valerio Scanu, alle prese con Cher. Nonostante la prova sia stata da dimenticare, il cantante sardo è riuscito ugualmente a dominare Twitter con il suo hashtag naturale.

Ecco alcuni commenti da parte della rete: "Se prove scadenti son dette eccellenza che il Cielo ci salvi da questa indecenza (Tangaloa Lazia)", "ma il web parla sempre e solo di te, sei e resti il migliore (Priscillo)", "non è facile mettere in difficoltà Valerio Scanu fatevene una ragione, il talento brilla e ha vinto anche stavolta (Linda Di Benedetto)", "ok, chiudiamo internet, diamo lo stop al televoto, sbaracchiamo tutto e diamo un premio nobel a Valerio Scanu (Adele Meccariello)". È evidente come la rete ami Valerio Scanu e che nella puntata finale sia lui il favorito d'obbligo per la vittoria, anche se non è da escludere il successo di un outsider, come ad esempio Serena Rossi, vincitrice dell'edizione di quest'anno. Sempre nella serata di ieri si sono esibiti anche Silvia Salemi in Patty Bravo, Amadeus e Frizzi (i Righiera), Roberta Giarrusso in Fiorella Mannoia, Matteo Becucci con Edoardo Bennato (una settimana fa era Bocelli con Giorgia in Vivo per lei), Fiordaliso che dalla Rettore è passata a Bonnie Tyler, Clizia Fornasier in Carmen Consoli ed infine Attilio Fontana con l'immortale No woman no cry di Bob Marley.