Per tutti voi, appassionati della soap opera spagnola 'Il Segreto', arrivano le anticipazioni di un altro episodio della telenovela. Vediamo, di seguito, quello che accadrà nella puntata che andrà in onda lunedì 15 dicembre 2014 a partire dalle ore 16:10 su Canale Cinque, dopo il programma condotto da Maria De Filippi. Prima di passare alle anticipazioni è opportuno fare una piccola sintesi degli accadimenti della puntata precedente. Gonzalo, in un momento di confessione, dice a Don Anselmo del suo amore per Maria provocando una forte reazione del prelato. Vedremo anche lo sbigottimento che susciterà la rivelazione del capitano Herrero quando farà presente che Lazaro, ormai deceduto, non è responsabile dello stupro nei confronti di Maria dato che l'uomo, durante la guerra a causa di numerose violenze nei confronti delle donne, ha subito la castrazione.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Serie TV

Anticipazioni de 'Il Segreto', puntata di lunedì 15 dicembre 2014

Evarista continua a minacciare Roque e quest'ultimo deciderà di pagare il riscatto da lei richiesto.

Donna Francisca, liberata dopo la prigionia avvenuta nelle mani di Ayala, tornerà nella propria villa e si arrabbierà moltissimo alla notizia che Lazaro è stato ucciso senza motivo anche, secondo lei, a causa di Mauricio e Fernando. Nel frattempo, Pia non riesce a pagare il riscatto richiesto da Evarista; per questo motivo preferirà finire in galera non sapendo che Roque ha pagato il riscatto richiesto, non abbandonandola al suo destino.

Prima di salutarvi vi comunichiamo che la terza stagione de 'Il Segreto', che sta andando in onda in Spagna, sta inanellando continui successi; questi episodi, probabilmente, li vedremo l'anno prossimo con storie di ricatti e di vendette che, ne siamo certi, avranno un ottimo successo anche in Italia. Appuntamento ai prossimi giorni per le nuove anticipazioni della telenovela 'Il Segreto' dove scopriremo che il capitano Herrero cercherà in tutti i modi di trovare uno psicanalista per aiutare Maria a ricordare il suo aggressore.