Annuncio
Annuncio

Nel 2004 Jigsaw è diventato un nome familiare quando Lionsgate ha prodotto un film a basso costo (ricavato da una precedente versione teatrale) chiamandolo Saw: L'enigmista. Contro ogni più rosea aspettativa, il film è stato un tale successo che ormai è tradizione annuale aspettarsi un sequel ogni mese di ottobre. Tuttavia, i giochi sembravano essersi definitivamente conclusi nel 2010 quando sul grande schermo abbiamo visto Saw 3D ( Saw: The Final Chapter ), che è stato ancorato come la fine del franchise. Eppure, la scena finale ha comunque lasciato presagire un mondo che potrebbe essere facilmente ampliato.

Da allora, la Lionsgate si è presa una pausa. Abbiamo segnalato più volte che il settimo Saw non rappresentasse la fine e così, dopo 5 anni di tentennamenti vari, Lionsgate ha deciso di andare avanti con un ottavo film della saga, secondo una scheda di monitoraggio affidabile.

Annuncio

Lionsgate ha sfruttato la scrittura del duo Josh Stolberg e Pete Goldfinger - che ricordiamo per film come Sorority Row, Piranha 3D e Piranha 3DD - per Saw: Legacy , anche se i dettagli della storia al momento non sono ancora stati resi noti. James Wan, che ha poi diretto Insidious, L'evocazione, Dead Silence e Speed 7 , sarà il produttore esecutivo con Whannell.

Serve una ventata di Novità

Non possiamo sapere molto su Saw: Legacy (e chissà se e quando sarà effettivamente realizzato), ma ciò rappresenta davvero un'occasione d'oro per la Lionsgate per trovare una giovane e affamato regista disposto a scuotere un franchising stanco e che dovrà comunque offrire qualche ventata di novità. Insomma occorre un regista che sappia tenere testa a quello che è stato definito "porn horror" e che ha conquistato il grande pubblico soprattutto grazie ai primissimi episodi della saga i cui film, in effetti, hanno bisogno di essere guardati tutti per offrire una panoramica completa sulla storia di Jigsaw.

Annuncio
I migliori video del giorno

Staremo a vedere cosa si inventerà la Lionsgate per cercare davvero di spaventare, ancora una volta, il pubblico di tutto il mondo.