Emma Marrone non è la prima volta che subisce attacchi in seguito alla sua partecipazione come coach della squadra bianca nel programma "Amici", ed anche in relazione a contenuti postati sui social network che, per un motivo o per un altro, hanno sempre dato modo ai follower di esprimere il proprio punto di vista (negativo o positivo). Nel corso delle ultime ore, la cantante salentina è stata bersaglio di accuse, in seguito alla pubblicazione di uno scatto su Instagram che ne metteva in risalto alcuni difetti estetici, immediatamente notati ed evidenziati dagli utenti.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Gossip

In particolar modo, gran parte delle critiche si è concentrata sulla pettinatura poco ordinata e su alcune macchie presenti sul viso della cantante. Com'era lecito aspettarsi, conoscendo il carattere "focoso" di Emma Marrone, la risposta a questi giudizi non si è fatta attendere, anzi, è arrivata più rapida e diretta che mai.

Emma Marrone: "Voi siete niente!"

In risposta ad uno dei tanti commenti inseriti accanto alla foto (che potete trovare nella gallery dell'articolo), Emma Marrone ha precisato come la presenza di alcuni inestetismi sul volto sia legata ad una serie di cure ormonali alle quali è stata sottoposta in seguito ai gravi problemi di salute emersi durante gli scorsi anni (fortunatamente superati). La cantante si è poi soffermata sulla sua acconciatura "non proprio presentabile", sottolineando i numerosi impegni lavorativi ai quali è sottoposta in questo periodo, che spesso non le lasciano nemmeno il tempo per dedicarsi con maggior attenzione alla cura del corpo.

Inoltre, Emma Marrone ha scelto di rivolgersi direttamente a coloro i quali l'hanno attaccata, augurando a questi ultimi una carriera professionale anche solo lontanamente intensa come la sua.

I migliori video del giorno

Per concludere, l'artista ha evidenziato come, in diverse circostanze, agli "haters" manchi il coraggio necessario per mostrarsi al mondo senza alcun tipo di ritocco, ovvero come si è nella vita quotidiana, collegando questa mancanza di iniziativa alla totale nullità che (a suo dire) caratterizza queste persone.