È cominciato lo scorso lunedì, 19 ottobre 2016, il Grande Fratello Vip, condotto da Ilary Blasi. Tra i concorrenti ci sono nomi noti della televisione italiana, come i “tronisti” di Uomini e Donne, Andrea Damante e Costantino Vitagliano, Valeria Marini, Stefano Bettarini, il campione di pugilato Clemente Russo e Bosco Cobos, attore e speaker spagnolo. Di quest’ultimo, conosciuto al pubblico italiano per la sua amicizia con Jonas Berami (attore de Il Segreto), sappiamo che è gay e che vorrebbe trovare l’amore in Italia.

 

Bosco vittima di un episodio spiacevole

Infatti Clemente Russo ha appellato col termine ‘friariello’ il concorrente spagnolo, dichiaratamente omosessuale.

Successivamente Clemente ha spiegato ridendo agli altri concorrenti, in assenza di Bosco, che quella parola era un dispregiativo per indicare una persona omosessuale. Il pugile di Marcianise (provincia di Caserta), poco prima di varcare la porta rossa, aveva espresso la sua volontà di vincere questa edizione del Grande Fratello Vip. Ma questo episodio potrebbe deludere le aspettative dello sportivo. Una vera caduta di stile che ha scatenato l’ira del web tra cui quella di molti personaggi famosi, come Rebecca De Pasquale, Mara Venier e Nina Moric, che hanno commentato negativamente la battuta.

 

Ricordiamo che l'omofobia è un'avversione irrazionale nei confronti dell'omosessualità che l'Unione europea considera analoga al razzismo, alla xenofobia, all'antisemitismo e al sessismo. L'omofobia può causare episodi di bullismo, di violenza o di mobbing nei confronti delle persone.

I migliori video del giorno

Secondo l'Agenzia per i diritti Fondamentali (FRA) dell'Unione europea l'omofobia, già nel 2009, danneggiava la salute e la carriera di quasi 4 milioni di persone in Europa. Purtroppo l'Italia è il paese dell'Unione Europea con il maggior tasso di omofobia sociale, politica ed istituzionale. Secondo i dati del Dipartimento di Salute Pubblica i suicidi della popolazione gay, legati alla discriminazione omofoba, costituirebbero il 30% di tutti i suicidi adolescenziali.