3

Si riapre la porta dell’appartamento di Jessica Day e dei suoi coinquilini, la sesta stagione di New Girl è ufficialmente ricominciata – e alla grande. Quella andata in onda sulla fox il 20 settembre 2016 è stata una season premiere in fermento che sembra aver ritrovato i ritmi delle prime stagioni, dopo una quinta stagione un po’ traballante per trame, gag e caratterizzazione dei personaggi.

Zooey Deschanel voto 10+

Proprio i personaggi sembrano essere finalmente tornati a quella particolare e allucinata resa di una volta, forse anche per merito della regia di Zooey Deschanel che ha decisamente riacceso lo spirito proprio della serie – nonché gli stessi membri della trouppe.

L’attrice si è infatti cimentata con la macchina da presa con risultati eccellenti in termini di resa narrativa e inquadrature ad effetto. Da apprezzare anche – ed era da un po’ che non si riusciva a dirlo per New Girl – la sceneggiatura: ben scritta, calibrata tra attimi grotteschi, momenti dinamici e situazioni comiche in linea con la Serie TV.

Infatti le preoccupazioni per una degenerazione irrecuperabile erano precoci: New Girl è tornata in tutto il suo esilarante splendore. 

La vita continua per Jessica Day

La puntata inizia tre mesi dopo il tanto atteso matrimonio di Cece e Schmidt, al momento presi dalla ricerca di una nuova casa tutta per loro supportati da Leslie, sorella della nuova fiamma di Winston e piccolo disastro ambulante. Anche Winston è completamente preso dalla sua love story con Aly, mentre Jess cerca in tutti i modi di reprimere i suoi sentimenti per Nick – anche con il bricolage – ed è tornata ad essere quella nerd un po’ romantica ed estremamente invadente delle prime puntate. 

Nick torna da New Orleans un mese prima del previsto causando una serie di reazioni a catena degne di nota – sembra una frase fatta, ma il punto è proprio questo: New Girl è tornata ai fasti della prima stagione.

I migliori video del giorno

Unica pecca uno Schmidt troppo maturo, ma bisognerà attendere le prossime puntate per poter giudicare meglio.