Elenoire è crollata e vuole abbandonare la casa del #'Grande Fratello Vip'. Dopo le liti con Valeria Marini, e le incomprensioni con l'attore Gabriele Rossi, è giunto anche uno un violento scontro con #Andrea Damante. L'ex tronista di 'Uomini e donne' aveva già mandato giù a fatica il "maleducato" indirizzatogli dalla conduttrice radiofonica nei giorni scorsi per un futile motivo. Il "Dama" non ce l'ha fa fatta più ed oggi ha tirato fuori tutto ciò che fino a ieri teneva dentro.

I motivi dello scontro tra Elenoire Casalegno ed Andrea Damante

Questa mattina Elenoire esce fuori in giardino e trova Gabriele ed Andrea che parlano a voce bassa; chiede spiegazioni, così l'attore le spiega che parlavano proprio di lei.

Gabriele fa presente alla Casalegno che i suoi modi talvolta sono alquanto "scurrili", Andrea cerca di introdursi nel discorso ma la speaker non apprezza il suo intervento così scoppia la lite. "Io parlo quando voglio", si è difeso Andrea Damante allora si becca di nuovo un "maleducato" da parte di Elenoire. Entrambi dicono di avere le idee molto chiare sulla persona che si trovano di fronte. "Stai molto tranquilla, abbassa i toni, sono quarantuno giorni che vuoi fare la maestra di vita con tutti, sono giunto al limite ora. Sei cattiva ed arrogante e porti malumore all'interno della casa. Finora ho tenuto sempre dentro per non creare liti", afferma in modo concitato l'ex tronista. 

I lacchè di Valeria Marini

La vicenda ha un precedente: ieri mattina Elenoire ha dato dei "lacchè" a Gabriele e Andrea, riferendosi al loro atteggiamento accondiscendete nei confronti di Valeria.

I migliori video del giorno

Già quest'affermazione non era andata giù ad Andrea ma aveva inizialmente deciso di non creare discussioni. Oggi però è esploso. Elenoire ha deciso di non rispondere alle parole di Andrea e, anzi, vista la rabbia dell'ex tronista ha cominciato a ridere. Poi, però, è giunta la crisi.

Elenoire vuole andarsene: "Non mi faccio trattare così da uno di ventisette anni con mia figlia che mi guarda da casa, me ne vado".