Nuovo appuntamento con la nostra rubrica dedicata agli ascolti tv della serata di ieri 23 novembre, dove in prime time c'è stata l'attesa puntata di Porta a Porta speciale Referendum che ha avuto tra gli ospiti anche il Presiddente del Consiglio, Matteo Renzi, per spiegare le ragioni del Sì agli Italiani. Su Raidue, invece, è andato in onda il quarto episodio della fiction Rocco Schiavone mentre su Canale 5 è stato trasmesso il peniltimo appuntamento con la serie tv Solo. Chi ha avuto la meglio in termini di ascolti?

Vince Rocco Schiavone, male Solo

Iniziamo subito dicendo che il vincitore della serata di ieri 23 novembre è stato il vicequestore Rocco Schiavone, che ancora una volta ha registrato l'ascolto più alto della serata: la fiction di Raidue con Marco Giallini si è portata a casa un ascolto medio di oltre 3.5 milioni di spettatori pari al 14% di share.

Niente da fare, invece, per la fiction Solo di Canale 5 con protagonista Marco Bocci: la terza e penultima puntata di ieri sera, ricca di colpi di scena, è stata vista da una media di 3.3 milioni di spettatori con uno share del 13.70%. La serie prodotta dalla Taodue, quindi, non è risucita a conquistare l'affetto del pubblico della rete ammiraglia Mediaset e in queste ore c'è chi grida al flop e mette in bilico la possibilità di vedere in tv gli episodi inediti della seconda stagione.

Male Porta a Porta con Renzi

Ascolti decisamente deludenti in prime time anche per lo Speciale Porta a Porta con Bruno Vespa: nonostante la presenza del Premier Matteo Renzi, il talk show di Raiuno non è andato oltre la media dei due milioni e mezzo di spettatori con uno share dell'11%. Il programma di Vespa è stato battuto dalla nuova puntata di Chi l'ha visto che ieri sera ha registrato un ascolto netto di circa 2.6 milioni di spettatori con l'11.50%.

I migliori video del giorno

In seconda serata è da segnalare l'ottimo ascolto della nuova trasmissione di Raidue, Mai più bullismo condotta da Pablo Trincia che ieri sera ha registrato una media di 950mila spettatori pari al 6% di share.