Trenitalia ha deciso di dedicare il primo esemplare di "Frecciarossa1000" all''ex velocista olimpionico, Pietro Mennea, deceduto il 21 marzo, in una clinica romana, all'età di sessant'anni, a seguito di una lunga malattia.

Il "Frecciarossa1000" è il nuovo simbolo dell'alta velocità italiana che potrà raggiungere i 400 chilometri all'ora e viaggiare su tutta la rete ferroviaria europea. Vedrà la luce, come prototipo in composizione ridotta, il prossimo 26 marzo dallo stabilimento Ansaldo - Breda di Pistoia per iniziare il percorso di test e collaudi che proseguiranno a maggio sul treno completo nello stabilimento Bombardier di Vado Ligure.

Per quanto riguarda la prima corsa commerciale, aperta ai viaggiatori, è prevista entro la fine del 2014.

A rendere pubblica la notizia della dedica è stato lo stesso Amministratore Delegato del gruppo Ferrovie dello Stato, Mauro Moretti, spiegandone, inoltre, la motivazione: «Sarà il binomio della velocità e dell'eccellenza italiana. Questa nostra scelta è una dimostrazione di riconoscenza e di affetto per chi con il suo impegno, la sua serietà, la sua professionalità e le sue qualità ha dato lustro internazionale al nostro Paese».

Pietro Mennea era nato a Barletta il 28 giugno del 1952, ha detenuto il record mondiale dei 200 metri piani, con il tempo di 19''72, ottenuto alle Olimpiadi di Mosca del 1980 e battuto solamente 16 anni dopo, nel 1996, da Michael Johnson. Il suo rimane, comunque, a tutt'oggi il miglior tempo a livello europeo.

I migliori video del giorno

Fu anche politico divenendo Deputato europeo eletto nella lista "I Democratici" alle elezioni europee del 1999.