Una terribile notizia giunge dalla regione Calabria ed esattamente dalla provincia di Cosenza. Si tratta di un'aggressione molto violenta effettuata da un ragazzo di 25 anni sulla sua ex fidanzata. Adesso l'uomo è stato posto ai domiciliari. Vediamo tutti i dettagli di quanto accaduto in seguito all'intervento delle forze dell'ordine. 

La ricostruzione dei fatti

Dallo scorso mese di febbraio il ragazzo aveva cominciato ad effettuare azioni violente nei confronti della giovane ragazza, mese in cui era cominciata la loro relazione sentimentale. Il ragazzo pretendeva di essere informato circa tutti i movimenti della ragazza.

Pubblicità
Pubblicità

Il 25 luglio, il giovane avrebbe sorpreso la ragazza a Corso Mazzini, in pieno centro a Cosenza. Qui l'avrebbe violentemente picchiata e le avrebbe distrutto anche il cellulare, Poi l'avrebbe fatta salire sulla sua macchina e l'avrebbe portata in aperta campagna per poi aggredirla di nuovo e minacciarla. Subito dopo l'avrebbe accompagnata a casa. I genitori della giovane dopo aver notato i segni di violenza l'hanno subito accompagnata in ospedale per curare le evidenti ferite. L'accaduto è stato subito denunciato alle forze dell'ordine e la Squadra Mobile ha subito portato alla luce la vicenda e anche i precedenti danni subiti dalla ragazza.

Arrestato per lesioni aggravate, atti persecutori e violenza privata

Soltanto in pochi giorni gli agenti sono riusciti a dimostrare la pericolosità del ragazzo e hanno raccolto anche tutte le prove necessarie per il provvedimento cautelare. Dopo le formalità il venticinquenne è stato sottoposto agli arresti domiciliari. Il ragazzo è accusato di atti persecutori aggravati, violenza privata e lesioni aggravate.

Pubblicità

Il venticinquenne è di Spezzano della Sila e le sue iniziali sono S.M. Ulteriori dettagli sulla terribile notizia saranno resi disponibili dalla polizia in breve tempo. In attesa di saperne di più vi invitiamo a cliccare sul tasto 'Segui' che trovate nella zona superiore della pagina, accanto al nome dell'autore dell'articolo, #Cronaca Cosenza