Un uomo anziano, alla guida di un’autovettura, ha travolto un padre di 41 anni e il suo bambino di 20 mesi, che stavano percorrendo la strada a bordo di una bicicletta. Durante il tentativo di fuga, secondo alcune testimonianze, l’uomo ha colpito e ferito due pedoni e si è successivamente scaraventato su un’altra autovettura che in seguito ha colpito la vetrata di un negozio.

Le dinamiche dell'incidente

L'#incidente è avvenuto esattamente nella mattina del 7 novembre in via dei Benci in pieno centro a #Firenze, nella zona di Santa Croce. L’uomo, anziano, circolava a bordo di un’autovettura e durante il suo tragitto ha investito un bimbo di 20 mesi ed il padre che circolavano su una bicicletta.

Pubblicità
Pubblicità

Entrambi non sono in pericolo di vita e sono stati immediatamente trasportati dal personale medico all’ospedale. Il bambino ha effettuato un volo di diversi metri e ha riportato delle ferite al volto; è stato tempestivamente soccorso e trasportato d’urgenza all’ospedale pediatrico di Mayer dove fortunatamente, dopo vari controlli, è stata esclusa la presenza di qualsiasi tipo di ferita grave. Fuori pericolo di vita è anche il padre che ha però riportato un trauma cranico.

Le dinamiche dell'incidente a catena

In seguito al primo incidente effettuato dall’uomo alla guida, la vettura si è scontrata contro un taxi, un’auto in corsa ed alcuni pedoni. Successivamente l’autovettura ha colpito un’ultima auto, facendola finire contro la vetrina di un negozio posto nelle vicinanze. In questo maxi incidente dove sono state coinvolte, oltre che padre e bimbo, anche altre autovetture, sono rimasti feriti in modo grave il conducente del taxi ed un pedone.

Pubblicità

L'anziano proprietario dell’autovettura che ha causato l’incidente è stato immediatamente trasportato dal personale medico sanitario in ospedale, in stato di shock. Sul luogo dell’incidente, oltre ad i mezzi di soccorso, sono tempestivamente intervenute le forze dell’ordine, per stabilire le dinamiche della carambola e ripristinare l’ordine pubblico. Nessuno è in pericolo di vita. #Cronaca