Il week end appena trascorso ha visto i circoli #Pd esprimere le proprie preferenze sul delicato tema delle primarie, quattro gli sfidanti come ben si sa, Renzi, Cuperlo, Civati, Pittella. Nella complessa macchina delle primarie PD l'otto dicembre andranno in sfida solo tre dei quattro candidati. Per i risultati, guerra di cifre perché a modo suo ognuno si crede vincitore.

I dati del comitato di Renzi dicono che il 46,1% dei voti espressi sono a suo favore, Cuperlo 38,3%, Civati 10,4%, Pittella 5,2%. Quindi netto distacco tra il primo ed il secondo.

I dati invece di Cuperlo sono diversi, il suo comitato conferma un 43,9% di Cuperlo, 42,1% Renzi, 10,8% per Civati e 3,3% Pittella.

Pubblicità
Pubblicità

Tra i due comitati sono simili i dati di Pittella e Civati, ma differenti di dati dei primi due e in questo caso il favorito sembra Cuperlo, ma con un distacco inferiore rispetto a quello indicato dal comitato di Renzi.

Pittella non ha fornito dati ufficiali sui risultati, ma ha affermato che con certezza l'otto dicembre Renzi e Cuperlo arriveranno alle primarie e quindi la lotta è tra lui e Civati, fornisce comunque sulla pagina ufficiale i dati di alcuni circoli, soprattutto del sud Italia in cui lui è nettamente favorito rispetto agli altri candidati, tra questi Normanno in provincia di Cosenza, ottimo risultato anche in alcuni circoli del Lazio in provincia di Frosinone.

Ora occorrerà sommare i voti e capire chi realmente potrà accedere all'ultima tappa del complicato meccanismo di voto che ha creato perplessità anche negli stessi candidati, come lo stesso Pittella afferma dal sua pagina facebook.

Pubblicità

Civati tenta invece la carta della mozione di sfiducia verso in ministro Cancellieri coinvolta nello scandalo Ligresti per provare a riacquistare un po' di notorietà e arrivare quindi all'otto dicembre con una marcia in più. Sarà proprio il clamore mediatico probabilmente a fare la differenza tra i tre finalisti che con tutta probabilità saranno Renzi ,Cuperlo e Civati. Clamore suscitato anche dall'appoggio dei big del partito. Già D'Alema ha espresso profonde perplessità nei confronti di Renzi che, dal suo canto, ha risposto ieri sera a Che tempo che fa programma condotto da Fabio Fazio e ai timori di un affossamento della sinistra italiana per mano di Renzi, ha risposto affermando che la sinistra italiana è già stata affossata dalla vecchia dirigenza. Fabrizio Barca, altro esponente di rilievo del PD, ha invece dimostrato maggiore apprezzamento per Civati. #Matteo Renzi