Manca ancora molto tempo per le elezioni europee 2014 ma la testa dei partiti è già sui sondaggi elettorali. Finora è stato pubblicato un solo dato da IPR Marketing: secondo l'istituto il Partito Democratico sarebbe in testa di poco su Movimento Cinque Stelle e Forza Italia.

Il dato va comunque contestualizzato, essendo di inizio mese e considerata l'evoluzione degli eventi degli ultimi giorni. L'accelerazione sulla crisi del governo Letta, che vede prossimo il segretario #Pd Matteo Renzi a succedergli a Palazzo Chigi, ha diviso l'opinione pubblica: è solo una fascia minoritaria, finanche negli elettori democratici, a volerlo alla guida del Paese senza essere stato legittimato dal voto popolare.

Pubblicità
Pubblicità

Lo spettro del pasticcio di D'Alema del 1998 aleggia ancora negli elettori di centro sinistra. Probabile, dunque, che i cittadini possano risentirsi verso questa scelta e abbandonare quello che ad oggi pare essere il primo partito italiano.

Chi ci guadagna è sicuramente il Movimento Cinque Stelle: gli ultimi sondaggi elettorali per le europee infatti davano la forza guidata da Beppe Grillo al 25,4%, praticamente sullo stesso livello delle politiche 2013 ma con una potenziale crescita da realizzare in virtù delle faide interne al PD e del sostanziale immobilismo della politica tradizionale.

Anche Forza Italia, stabilmente sopra il 20% nei sondaggi, potrebbe beneficiare degli autogol della Sinistra per riaffermarsi ancora una volta, nonostante il declino di Berlusconi. Le elezioni europee, anche per loro, saranno un banco di prova fondamentale.

Pubblicità

#Sondaggi politici #M5S