Secondo il premier #Matteo Renzi il tema della sicurezza va di pari passo con la cultura e annuncia lo stanziamento di due miliardi di euro. Uno per la copertura del bonus di 80 euro a tutti gli appartenenti alle Forze dell'ordine, un altro per la riqualificazione delle zone periferiche e per dare un sostegno ai 18enni e alle attività culturali.

La risposta al terrore che sta scatenando lo stato islamico deve venire dal rafforzamento delle misure di sicurezza ma anche dalla diffusione di maggiore cultura. A riferirlo è lo stesso premier Renzi dalla sala degli Orazi e Curiazi al Campidoglio. In cantiere ci sono una serie di misure per far fronte alle nuove emergenze che potrebbero verificarsi.

Pubblicità
Pubblicità

Così il bonus di 80 euro in busta paga verrà esteso anche alle forze dell'ordine e nella legge di Stabilità 2 miliardi sono destinate a sicurezza e cultura. Per quanto riguarda la cultura è prevista anche la possibilità per i cittadini italiani di devolvere il 2 per mille alle associazioni culturali fino al raggiungimento di 150 milioni di euro.

Le coperture specifiche a queste nuove misure dovrebbero arrivare dall'anticipo del taglio Ires e grazie anche alla concessione, da parte di Bruxelles, di circa 3 miliardi oltre il tetto del 3%, cifra che corrisponde a 0,2 punti percentuali di Pil, in seguito allo sforzo compiuto dal nostro Paese per fronteggiare l'emergenza migranti.

Questa volta niente slide, ma una conferenza stampa in Campidoglio inusuale e sobria per il Presidente Renzi che con la sua dialettica per slogan spiega il percorso che vuole intraprendere il #Governo: “Per ogni euro investito in cybersecurity, uno andrà alle start up; per ogni investimento in polizia, aumenteremo la cura e la manutenzione delle periferie; per ogni euro usato per sostenere la Difesa ci sarà un canestro nuovo nelle strade”. 

Infine spazio anche ai giovani con il capitolo sul diritto allo studio.

Pubblicità

Renzi spiega che saranno stanziati circa cinquanta milioni di euro organizzati in borse di studio per chi è meritevole ma non può permettersi di studiare.