A urne chiuse, dopo la tornata elettorale delle amministrative in molte grandi città italiane, si è scatenato il dibattito politico sui responsi. Su tutti, ha fatto segnare risultati stupefacenti il #M5S, con Virginia Raggi che ha ottenuto un ampio consenso a Roma e andrà al ballottaggio con Giachetti del Pd, e anche a Torino la candidata Appendino sfiderà Fassino.

Lite fra Di Battista e il direttore del TG1

Oltre a questi dati si è discusso di una evidente flessione del partito del premier Renzi. Diversi esponenti pentastellati, fra cui Alessandro Di Battista, hanno espresso il loro parere, chiedendo che l'informazione sia meno accondiscendente con il Presidente del Consiglio, e garantendo maggiore spazio al movimento di #Beppe Grillo.

Pubblicità
Pubblicità

A tal proposito, emblematico è stato il duro scontro avvenuto durante lo speciale per le #Elezioni Amministrative di "Porta a Porta" su Rai 1, con l'esponente grillino che ha attaccato frontalmente il direttore del TG1 Mario Orfeo, chiedendogli a chiare lettere di fare un'informazione più equa, senza prendere le parti di Renzi e del Governo.

Queste le parole pronunciate da Di Battista nel suo affondo: "colgo questa occasione per ricordare al direttore Orfeo che è pagato dai cittadini italiani e che, dunque, non è un dipendente di Renzi. Noi del Movimento 5 Stelle chiediamo una buona informazione". Dopo l'attacco è arrivata la pronta replica del direttore del TG1, il quale si è dimostrato piuttosto risentito delle dichiarazioni del deputato, e ha reagito in maniera stizzita: "il mio lavoro è stato giudicato da più parti imparziale, si ricordi che anche lei, come me, è pagato dai cittadini".

Pubblicità

Dopo aver letto le accuse di Di Battista e il confronto polemico con il direttore del TG1, pensate che il grillino abbia ragione e che l'informazione di questo telegiornale sia palesemente a vantaggio del partito del premier Matteo Renzi, o ritenete prive di fondamento le accuse sollevate? Diteci la vostra nell'apposita sezione commenti. Per ricevere ulteriori aggiornamenti sulla politica, potete cliccare il tasto "Segui" in alto.