Gli autori di una nuova analisi dei cambiamenti climatici sostengono che riducendo il consumo di carni e riducendo il numero dei ruminanti a livello globale , la comunità internazionale potrebbe conseguire una più rapida riduzione delle cause del riscaldamento globale nel prossimo futuro.

Gli Autori di una recente analisi del cambiamento climatico, pubblicato sulla rivista scientifica mensile Nature Climate Change, sottolineano come, mentre il mondo si sforza di ridurre l'emissione di anidride carbonica (CO2), si sia data troppa poca attenzione agli altri gas nocivi a effetto serra - più specificamente, i gas serra associato con il bestiame.

"Perché il clima della Terra può essere vicino ad un punto di non ritorno al cambiamento climatico, molteplici approcci sono necessari per la mitigazione, " ha detto William Ripple , professore del College of Forestry della Oregon State University e co-autore dell'analisi, "Abbiamo bisogno chiaramente di ridurre la combustione di combustibili fossili per ridurre le emissioni di CO2, ma ciò risolve solo parte del problema .

Abbiamo anche bisogno di ridurre i gas serra diversi dalla CO2 per ridurre la probabilità di attraversare questa soglia climatica".

Pur riconoscendo i pericoli della CO2, gli autori dicono che molto di più deve essere fatto per ridurre le emissioni di metano e protossido di azoto, due gas serra diversi dalla CO2 ma che intrappolano più calore di quanto non faccia la CO2. Il metano è il secondo gas serra più abbondante e studi recenti hanno dimostrato che le emissioni di metano potrebbero essere molto più alte di quanto si pensasse.

Il rilascio di metano proviene da una varietà di fonti  ma si stima che i ruminanti ne costituiscano la più grande fonte. Gli autori scrivono che il modo più efficace per combattere il cambiamento climatico è quindi quello di ridurre la popolazione al mondo di ruminanti, (per lo più associati con il bestiame e la produzione di carni bovine). La ricerca ha dimostrato che le emissioni di gas a effetto serra prodotte da allevamenti bovini e ovini sono 19-48 volte superiore (per alimenti prodotti ) rispetto alla produzione equivalente di alimenti non a base di carne come i fagioli , cereali o prodotti di soia .

Quindi, anche se la CO2 è il più abbondante gas a effetto serra, il mondo potrebbe vedere una riduzione molto più veloce delle emissioni di gas a effetto serra nel breve termine attraverso una sostanziale riduzione del numero dei ruminanti a livello globale . Gli individui possono farlo adottando una dieta più vegetariana che riduce carne e latticini .

"Ridurre la domanda di tali prodotti potrebbe contribuire a ottenere riduzioni sostanziali dei gas a effetto serra nel breve termine", ha detto il co -autore Helmut Haberl dell'Istituto di Ecologia Sociale in Austria ", ma l'attuazione di cambiamenti della domanda rappresenta una sfida politica considerevole.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto