Si chiama Plastic Roadil progetto attualmente in sviluppo in Olanda, portato avanti dalla ditta tedescaVolkerWessels.L'ennesima risposta all'enigma dello sviluppo sostenibile sembra arrivare ancora una volta dall'Europa continentale e del nord, da sempre protagoniste nel campo dell'eco-sostenbilità e del progresso tecnologico.

L'idea rivoluzionaria portata avanti dallo staff di questa azienda è quella di produrre un nuovo tipo di rivestimento stradale: niente più bitumi e carbonati di calcio, la nuova composizione prevederà esclusivamenteplastica riclicata. Gli esperti sostengono che il sistema dei trasporti ne gioverebbe sotto più punti di vista:

  • Minori emissioni di CO2: difatti l'asfaltoi emette circa 27 kg di anidride carbonica per tonnellata, in quanto assorbe molto facilmente il calore circostante; a questo si aggiunga che le temperature in città sono piuttosto elevate, dato lo smog e l'alta concentrazione di persone e veicoli.
  • Smaltimento rifiuti: nonostante i progressi nella raccolta differenziata ancora oggi sussiste il problema dello smaltimento della spazzatura, seppur composta da plastica riciclabile in molteplici modi (in Italia l'11% della spazzatura prodotta è composta proprio da rifiuti di plastica)
  • Strade più leggere:essendo il peso del manto stradale minore si faciliterebbero le operazioni di scavo, di installazione di cavi, di trasporto dei materiali da costruzione; ne consegue che i tempi di realizzazione e manutenzione potrebbero essere notevolmente ridotti.
  • Sicurezza: secondo gli sviluppatori diPlastic Roadtale manto stradale sopporterebbe senza problemi temperature sia alte che basse, date le peculiarità chimiche del materiale di cui è fatto. Resta tuttavia da verificare che tutti gli aspetti sopracitatisi traducano in fatti compiuti e che si tratti davvero di una miglioria rispetto all'attuale impianto stradale.

Se si riuscissedavvero a fabbricare strade efficienti e sicure a partire da materiali riciclabili si potrebbe sperare anche in una riduzione degli incidenti e relativi decessi legati al cattivo stato dei manti stradali, che soltanto nel 2013 ha causato in Italia ben più di 900 morti.

Segui la pagina Ambiente
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!