Dopo il "no" del Marocco ad ospitare la Coppa d'Africa 2015 in seguito ai timori legati alla diffusione del virus ebola, la Federcalcio africana (Caf) ha deciso di far disputare il torneo (in programma dal 17 gennaio all'8 febbraio) in Guinea Equatoriale. Il Marocco è così stato escluso dalla competizione, mentre la Guinea rientra in gioco dopo essere stata eliminata a luglio per aver schierato un calciatore squalificato. Mercoledì 19 novembre si gioca l'ultima giornata di qualificazione, che permetterà alle prime due di ogni girone (più la migliore terza, che in questo momento sarebbe l'altra Guinea, nel Gruppo E) di approdare alla fase finale del torneo.

Nel Gruppo A Nigeria e Congo si giocano il secondo posto alle spalle del Sud Africa, già qualificato; proprio i Bafana Bafana faranno visita alla Nigeria, alle ore 18, con il segno «1» bancato a 1,53 dai principali bookmakers. Nel Gruppo B l'Algeria è matematicamente in Coppa d'Africa e affronterà il Mali, che si gioca la seconda piazza con il Malawi, che volerà in Etiopia; meglio evitare di giocare su queste due partite, dato che le insidie sono dietro l'angolo. Nel Gruppo C Burkina Faso e Gabon sono entrambe qualificate e resta solo da decidere se come prima o seconda del girone.

Nel Gruppo D alla Costa d'Avorio basta un punto con il Camerun (già qualificato al primo posto) per assicurarsi la seconda posizione ai danni del Congo; non crediamo proprio che Gervinho e compagni si concedano il lusso di accontentarsi del pari e proveranno a vincere di fronte al proprio pubblico.

I migliori video del giorno

Ottimo l'«1» degli Elefanti a quota 1,88. Nel Gruppo E può succedere ancora di tutto con 4 squadre in appena 2 punti; le gare in programma sono Guinea-Uganda (si può provare l'«Under 2,5» a 1,70) e Ghana-Togo, dove l'«1» è una fissa a quota 1,38. Nel Gruppo F sono già qualificate Capo Verde e Zambia (che si ritroveranno di fronte a Ndola con il Capo Verde già sicuro del primo posto in classifica), mentre nel Gruppo G l'Egitto è stato eliminato a sorpresa, dato che andranno avanti Tunisia e Senegal.