Colpo di scena in casa Catania, che quest'anno sicuramente non vive una stagione facile, nè da un punto di vista della classifica nè da quello societario. E' di pochi minuti fa la notizia delle dimissioni del tecnico rosso-azzurro Giuseppe Sannino, l'allenatore campano ha rassegnato le proprie dimissioni proprio oggi, giornata di rifinitura prima della partita che il Catania disputerà domani pomeriggio contro il Brescia, allo stadio Angelo Massimino di Cibali. Già durante la settimana erano girate a Catania molte voci circa un probabile esonero dell'allenatore che però sarebbe rientrato a seguito della decisione del presidente Pulvirenti e dell'amministratore delegato catanese, l'argentino Cosentino, anche a causa del malcontento e delle proteste dei tifosi catanesi, i quali non ritengono  responsabile della situazione l'allenatore campano ma piuttosto la dirigenza e il preparatore atletico Giampiero Ventrone.

Sulla decisione di Sannino probabilmente hanno influito anche i dissapori con la società, che a quanto pare, riteneva l'allenatore il principale responsabile del difficile momento della squadra rosso azzurra. Il Catania quest'anno infatti, dopo la retrocessione dalla serie A della scorsa stagione, era partita con i favori del pronostico in questo campionato di serie B e invece adesso si trova a lottare negli ultimi posti della classifica, sicuramente anche a causa dei numerosissimi infortuni  muscolari (27 ad oggi) che hanno caratterizzato la sfortunata stagione della squadra etnea.

Ricordiamo che la società rosso-azzurra aveva iniziato la stagione con in panchina l'ex allenatore Maurizio Pellegrino che poi a seguito del magro bottino di punti conquistato nelle prime partite fu allontanato e sostituito con lo stesso Sannino.

I migliori video del giorno

Adesso le parti si invertono ed è appunto Pellegrino a ritornare sulla panchina etnea per far fronte all'emergenza determinata dalle improvvise dimissioni che arrivano a meno di 24 ore dalla prossima gara di campionato. Un momento molto difficile per chi ha a cuore le sorti della squadra catanese che in questo momento si trova al centro di una vera e propria bufera, viste anche le proteste dei tifosi che domani hanno deciso di disertare in massa lo stadio per protestare nei confronti della dirigenza catanese.