Come un film che si ripete ininterrottamente da tre anni e non si può evitare di guardarlo. Sembra un incubo, dal quale i tifosi del Lecce non riescono a svegliarsi. Il Lecce perde ancora e lo fa contro un modesto Martina che annulla i giallorossi in zona offensiva e colpisce appena se ne presenta l'occasione, annichilendo i giallorossi. Lo 0-1 finale è siglato da Carretta e provoca la quarta sconfitta stagionale dei padroni di casa. Non è tanto la sconfitta in se per se a preoccupare i tifosi, ma la mancanza di gioco dei giallorossi che non riescono a creare una buona manovra da alcune partite a questa parte. Nonostante i risultati "positivi" per il Lecce, giunti da Barletta (dove la capolista Salernitana ha perso) e da Messina (campo sul quale il Benevento, secondo in classifica, non è andato oltre il pareggio), i salentini sono crollati in quella che sembrava la più facile delle sfide, contro il Martina quint'ultimo in classifica.

Dopo il ko di Foggia, questa sconfitta davanti al proprio pubblico suona come un campanello d'allarme. A fine gara i fischi sono stati inevitabili e non è mancata qualche pesante critica nei confronti del tecnico Lerda. Come sempre accade nel calcio, anche in questa situazione chi rischia di "pagare" con il posto di lavoro è proprio l'allenatore Franco Lerda, criticato da alcuni tifosi per le scelte tecniche.

Lerda è a Lecce da tre anni (seppur con dei momenti di "pausa", in cui ci sono stati altri allenatori) e in terra salentina non ha mai raggiunto l'obiettivo della promozione. Quest'anno calcistico, cominciato con buone aspettative avallate dagli acquisti di gente del calibro di Moscardelli e Mannini, sta proseguendo con risultati assolutamente al di sotto delle aspettative e la sensazione è che la squadra stia faticando troppo a macinare gioco.

I migliori video del giorno

Le statistiche parlano chiaro: tra le quattro squadre davanti, il Lecce ha il peggior attacco, con sole 22 reti realizzate. La Salernitana capolista ne ha siglate ben 26, il Benevento 27 e la Juve Stabia 25. L'altro dato importante è quello delle sconfitte: i salentini sono ormai alla quarta sconfitta stagionale. Insomma, tocca ai giallorossi invertire immediatamente la rotta e non si sa ancora se sarà Lerda a provare questa inversione, queste sono ore decisive.