Dopo il pareggio per 0-0 di ieri sera con il neopromosso Carpi, i supporters del Napoli sono divisi in due schieramenti: chi ritiene che questo risultato sia un passo indietro e chi, invece, pensa che la mancata vittoria non rappresenti un valido motivo per sminuire il lavoro di mister Sarri.

I due 5-0 che i partenopeiavevano inflitto al Bruges in Europa e alla Lazio in campionato, avevano generato quell'entusiasmo che è mancato fino ad ora, a causa delle prestazioni poco convincenti di inizio stagione. Ovviamente, però, si attende una striscia positiva che confermi i buoni presagi.

Vi proponiamo qui di seguito 10 buoni motivi per credere che, nonostante il Napoli non abbia vinto, ci siano, comunque, dei segnali molto positivi:

1 - Porta inviolata

Si allunga a 3 il numero di partite senza subire reti, a dimostrazione del buon lavoro che sta svolgendo la difesa. Proprio la difesa è stata la nota dolente di inizio stagione, in quanto i punti buttati via nelle precedenti partite erano dovuti agli improvvisi black-out difensivi, che hanno vanificato gli sforzi del reparto offensivo (5 gol messi a segno nelle prime 3 gare).

2 - Koulibaly

Come dichiarato recentemente dallo stesso Sarri, ha tutte le qualità per diventare un grande difensore. Il nazionale senegalese, nelle due ultime vittorie del Napoli, aveva dimostrato, a sorpresa, grande concentrazione e decisione negli interventi. E anche con il Carpi non ha deluso le aspettative. Sembra in crescita e insieme a lui le prestazioni di tutto il reparto.

3 - Jorginho

Anche il brasiliano sembra avere una marcia in più rispetto all'anno scorso.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Serie A SSC Napoli

Dimostra di trovarsi molto bene in cabina di regia e attualmente sembra nettamente favorito su Valdifiori per la maglia da titolare in quel ruolo. Quando è entrato lui tutto il Napoli ha iniziato a girare.

4 - Albiol

Discorso simile anche per lui. Il centrale spagnolo ieri sera ha confermato le ultime due buone prestazioni e sembra trovarsi bene in coppia con il senegalese.

5 - Linea difensiva alta

Con l'innesto di Hysaj al posto di Maggio sulla destra e Ghoulam sulla sinistra, a completare i 4 del reparto difensivo, tutto il reparto sembra muoversi molto meglio.

Ottimo il posizionamento alto, come chiede Sarri. Ieri sera si è giocato praticamente per 90 minuti nella metà campo del Carpi.

6 - Il catenaccio del Carpi

Quando trovi di fronte una squadra la cui filosofia è "11 uomini in area da rigore, lancio lungo e conropiede (a volte neanche quello)" hai poche occasioni da gol, e bisogna saperle sfruttare. Nonostante tutto, il Napoli ha dato dimostrazione di saper contenere senza problemi il contropiede dell'avversario.

7 - Occasioni da gol

Nonostante il catenaccio, il Napoli ha avuto diverse occasioni per andare in rete. Hamsik ci è andato vicino con un colpo di testa troppo centrale, Higuain e Gabbiadini hanno mancato clamorosamente il pallone su due chiare occasioni da gol, un gol in fuorigioco annullato a Callejon. Sono questi gli episodi chiave, che avrebbero cambiato la partita. Anche Insigne ha avuto buoni spunti.

In generale è stato creato tanto, nonostante tutto.

8 - Nessuna chiara occasione da gol per il Carpi

In nessun momento della partita il Carpi ha dimostrato di meritare un eventuale vantaggio.

9 - Higuain

Nonostante le critiche, l'attaccante argentino sembra meno svogliato rispetto all'anno scorso. Ha giocato un ottimo primo tempo, forse stanco nel secondo dove si è visto un po' di meno. In generale, comunque, in questo avvio di stagione sembra tutt'altro che fuori forma.

10 - Fino al 96'

Tutti i giocatori entrati in campo, nessuno escluso, hanno dato il tutto per tutto fino all'ultimo minuto. Un'attitudine molto cara ai nostalgici mazzarriani, che forse è un po' venuta a mancare l'anno scorso nel Napoli di Rafa Benitez.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto