Partita incredibile quella tra lazio e Juventus, con la squadra biancoceleste che ha fatto e disfatto, tutto davanti ai bianconeri. Voci di mercato, polemiche, calciatori fuori rosa, tutto lascia il tempo che trova quando poi il pallone inizia a rotolare sul prato. Keita non ha giocato per un presunto dolore accusato in allenamento, nonostante il calciatore abbia smentito con un Tweet sul suo profilo ufficiale. Tuttavia la sua mancanza non si è sentita, almeno dal punto di vista del risultato.

Immobile doppietta da Nazionale

A poche settimane dalla sfida importantissima in Spagna, l'attaccante della Nazionale italiana ha segnato due gol a Gigi Buffon.

Uno su rigore, dopo averlo anche guadagnato, il secondo su colpo di testa. Il risultato sul 2-0 sembrava sicuro per la Lazio, ma la Juventus non muore mai, nonostante fino a quel momento la squadra biancoceleste avesse dominato sul campo. Pochi pericoli portati alla porta di Strakosha, tranne il miracolo a inizio gara su Cuadrado. immobile con la sua doppietta sembrava bastare, sembrava. Se non fosse che Dybala è un campione assoluto e merita la sua numero 10, appena assegnatagli dalla società. Negli ultimi 10 minuti, su punizione prima e su rigore poi, aveva riportato il risultato in pareggio con un'altra doppietta. Continuazione di un incubo per la Lazio, che non batteva gli juventini da più di 10 partite.

Murgia, il romano che regala la coppa alla Lazio

Cresciuto nel vivaio biancoceleste, Murgia ha sfruttato un assist superbo di Lukaku, insaccando in rete il suggerimento del compagno. All'ultimo respiro. E' la vittoria di Simone inzaghi, allenatore che al primo anno su una panchina è arrivato in finale di Coppa Italia e ha vinto la Supercoppa Italiana.

E' lui il vero protagonista della serata, con il campionato che viene che lo vedrà di nuovo protagonista con la sua Lazio.

'La Lazio ha meritato, noi siamo stati polli'

Le parole che Allegri ha detto a Rai1 dopo la premiazione, con i biancocelesti in festa. Onestà intellettuale e classe, queste mostrate dall'allenatore livornese.

'Purtroppo il calcio dà e toglie, stasera ci ha tolto', ha continuato il mister Juventino, pragmatico come sempre. Da segnalare anche gli applausi tributati a Buffon a fine primo tempo, quando è passato sotto la curva dei tifosi della Lazio. Domani Keita tornerà ad essere l'argomento più gettonato, insieme al trasferimento incredibile di Mbappé, ma per questa sera i tifosi della Lazio possono festeggiare, godendosi una squadra compatta e unita, che ha tenuto testa ai sei volte campioni d'Italia.