Fassone e Mirabelli hanno regalato molti motivi di gioia sia ai tifosi che a Montella durante questa lunga estate di mercato (E potrebbe non essere finita qui...). Adesso sta al tecnico campano gestire una rosa ben costruita, da amalgamare, ma con dei giocatori chiave che compongono uno "scheletro portante" della squadra ben preciso. Ecco i nomi su cui si baserà il nuovo ciclo del Milan.

  • Suso: Il giocatore iberico ha avuto una crescita esponenziale nella sua esperienza al Milan. Da emarginato qual era nel team di Mihajlovic a giocatore fulcro della manovra offensiva nello scacchiere di Montella. Ha superato i problemi caratteriali che lo avevano limitato nei primi anni e l'anno scorso ha trascinato un Milan in seria difficoltà a suon di gol e assist. Quando Suso andava in affanno, tutta la squadra arrancava. Quest'anno si è candidato grazie alle eccellenti prime uscite per avere un ruolo da protagonista nonostante la rivoluzione. Sarà un punto fermo dell'11 titolare.
  • Andrea Conti: Il giocatore faro dell'Atalanta della scorsa stagione arriva in rossonero con un ricco bottino di gol e assist. In fase offensiva forma con Suso un duetto da far intimidire tutte le difese della massima serie, in fase di copertura ha margini di miglioramento, ma stiamo comunque parlando di uno dei migliori terzini sulla piazza italiana. La fascia destra del Milan è sua.
  • Lucas Biglia: Un giocatore come lui al Milan mancava dalla partenza di Andrea Pirlo. Dopo anni di affanno nella fase di impostazione è arrivato un playmaker in grado di mettere ordine a centrocampo e creare gioco con estrema facilità. Ha dimostrato nello spezzone di gara che ha giocato contro il Cagliari di avere tutte le carte in regola per imporsi come leader nel club di Via Turati. Gli unici dubbi sono sulla sua integrità fisica...
  • Andrè Silva: Essere raccomandati da personaggi come Cristiano Ronaldo e Jorge Mendes alla sola età di 22 anni non è cosa da poco. Il peso dei 38 milioni investiti potrebbe farsi sentire, ma siamo sicuri che il talento andaluso continuerà a brillare come ha fatto in Portogallo e nelle prime uscite stagionali col Milan. Starà a Montella gestire al meglio le sue potenzialità e dargli la possibilità di crescere nel migliore dei modi.
  • Leonardo Bonucci: Il nuovo capitano del Milan, un leader in spogliatoio e in campo. L'ex Juventus possiede un'esperienza internazionale che sarà un toccasana per il Milan dell'anno 0. Oltre ad avere grande tecnica, ha un grande carisma e sarà lui la vera guida di questo Milan.

Una menzione speciale per i giovani Locatelli e Cutrone che stanno crescendo davvero tanto sotto ogni aspetto.

Per un Milan che guarda sia al presente che al futuro, sperando di tornare presto in cima all'Europa.