La vicenda di Yara Gambirasio, la 13enne di Brembate uccisa nel novembre del 2010, si avvicina sempre di più ad una verità definitiva che incastra Massimo Bossetti, il muratore di Mapello in carcere dal giugno scorso con la terribile accusa di aver assassinato la ginnasta. A riportare la notizia di una prova fondamentale contro Massimo Bossetti, è La Stampa, che addirittura parla di una prova regina contro il 43enne bergamasco, tutto questo a ridosso della conclusione delle indagini.

Yara Gambirasio, la prova schiacciante contro Massimo Bossetti

Sui leggings di Yara, infatti, sono state trovate tracce di stoffa che presumibilmente appartengono al furgone Iveco Daily del muratore, una prova davvero schiacciante se va sommata al famoso DNA del Bossetti sul cadavere della ragazzina.

Già alcuni mesi fa, era stato attestato come il furgone di Massimo Bossetti si trovasse vicino alla palestra dove Yara si esercitava quotidianamente, furgone ripreso anche dalle telecamere. Ora, l'ennesima prova secondo la Procura che non lascerebbe più ombra di dubbio della responsabilità di Massimo Bossetti; le analisi scientifiche comparate dai Ris di Parma hanno comprovato che quei residui di stoffa sui leggings di Yara sono compatibili con quelle del furgone cassonato appartenente a Bossetti.

Sotto esame, anche alcune ricerche web svelate da una perizia, in cui è emerso che il muratore cercò più volte contenuti su tredicenni. A questo punto rimane solo da capire come sia possibile che Yara salì sul furgone di Bossetti, fu costretta o tratta in inganno? Le certezze, per adesso dicono che Yara uscì dalla palestra poco prima delle 19, stesso orario in cui l'Iveco del carpentiere fu visto aggirarsi nei dintorni e poi sparire dall'occhio delle telecamere.

I migliori video del giorno

Ovviamente Bossetti dal carcere si dichiara innocente e il suo Avvocato Claudio Salvagni pensa alla difesa durante il processo, dove spera di poter far leva sulle tracce Dna differenti che secondo il Legale non apparterrebbero all'uomo. Anche la famiglia della 13enne, che attende una svolta da 4 anni, spera in una soluzione del caso definitiva.