Nuovo appuntamento con la nostra rubrica dedicata alle ultime news riguardanti i casi di cronaca nera che ad oggi sono rimasti ancora irrisolti. Oggi partiamo dalle ultimissime novità sul caso della piccola Yara Gambirasio, la ragazzina di soli 14 anni trovata morta a Brembate di Sopra quattro anni fa. Nel corso delle ultime settimane il caso di Yara è tornato alla ribalta grazie ad una serie di intercettazioni riguardanti il presunto killer della bambina, Massimo Giuseppe Bossetti, che ad oggi si trova in carcere.

Molte di queste intercettazioni tra Massimo Bossetti, la moglie Maria e sua madrea Ester Arzuffi, sono state trasmesse nel corso della puntata di Chi l'ha visto del 4 marzo.

A destare maggiori sospetti è stata quella in cui Marita diceva al marito di aver trovato in casa altri due coltellini da lavoro: quando l'uomo viene a sapere la notizia da sua moglie, le chiede immediatamente di buttarli via e quindi doi farli sparire. Per quale motivo?

Nell'intecettazione con sua madre Ester, invece, Bossetti la mette alle strette dicendogli che il test del Dna non può sbagliarsi e che quindi lui è il figlio di Guerinoni. Le ultime news ad oggi 5 marzo sul caso di Yara, riguardano anche la sorella di Massimo Bossetti, che in questi anni ha più volte denunciato di aver subito delle aggressioni sotto casa da gruppi di balordi: ebbene, l'ultima aggressione denunciata dalla donna non sarebbe vera, in quanto i fiolmati delle telecamere di sorveglianza non combacerebbero con il racconto fatto dalla donna.

I migliori video del giorno

Al centro delle ultime news di oggi 5 marzo vi è anche il caso di Roberta Ragusa: domani 6 marzo inizierà il processo al marito della donna, Antonio Logli, che a distanza di tre anni rimane l'unica persona iscritta nel registro degli indagati e quindi ritenuta responsabile della morte di sua moglie. In questa prima fase del processo, scopriremo se Logli sceglierà di essere giudicato con il rito abbreviato o quello ordinario e poi quali saranno le parti civili, la cui costituzione sarà ammessa dal giudice Laghezza: il figlio della coppia si costituirà parte civile nel processo contro suo padre? Intanto secondo gli investigatori il motivo che avrebbe spinto Logli ad uccidere sua moglie Roberta è strettamente economico: la donna da tempo voleva il divorzio e Logli non voleva affrontare questa spesa, troppo onerosa per le sue finanze.