Gli inquirenti che indagano sul caso di Trifone Ragone e Teresa Costanza, i due fidanzati uccisi a Pordenone lo scorso 17 maggio con sei colpi di pistola, continuano a scavare nel passato della coppia. Stando alle ultime news sul duplice delitto, emerse dal settimanale 'Oggi', l'attenzione di chi indaga è concentrata anche sul privato di un'altra coppia, quella formata dai due indagati, Giosuè Ruotolo e Rosaria Patrone.

Mentre il primo avrebbe compiuto materialmente il delitto, la seconda sarebbe indagata per due reati in alternativa: favoreggiamento o istigazione all'omicidio. Ma qual è il vero movente dietro l’uccisione di Trifone e Teresa? Le due coppie avevano una doppia vita? Quale segreto inconfessabile custodivano?

Omicidio Trifone e Teresa: un segreto inconfessabile dietro il movente?

Proprio la scoperta del vero movente del duplice delitto dei fidanzati uccisi a Pordenone, rappresenterebbe la vera svolta dell'intero caso.

Secondo gli inquirenti e le news rese note da 'Oggi', alla base del movente ci sarebbe un segreto inconfessabile che potrebbe avere a che fare con una doppia vita delle due coppie. Sarebbe questa la ragione per la quale chi indaga sull'uccisione di Trifone e Teresa avrebbe messo le mani sui dispositivi informatici dei due indagati, Giosuè e Rosaria, alla ricerca di dati importanti. A sollevare grandi dubbi e nuove ipotesi sarebbe stata la scoperta di un profilo anonimo Facebook della stessa Rosaria.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Cosa si nasconde dietro quella che, secondo il suo legale, è stata una dimenticanza della Patrone?

Secondo alcune indiscrezioni sul giallo di Pordenone, quando Trifone lasciò nel 2014 l'appartamento che divideva con Giosuè ed altri militari, Teresa iniziò a ricevere da questo profilo Facebook anonimo alcune chat e video a luci rosse, successivamente cancellati. Nei messaggi si puntava il dito sulla doppia vita di Trifone, anche lui su Facebook con un secondo profilo falso.

Dalle perizie è emerso che sia Giosuè che la sua fidanzata fossero a conoscenza del profilo anonimo di quest'ultima, ma ci sarebbero dubbi su chi effettivamente lo utilizzasse. Tante le ipotesi degli inquirenti, ma la più battuta è quella secondo la quale sarebbe stata Rosaria, spinta dalla gelosia, ad inviare i messaggi a Teresa, temendo che Giosuè potesse essersi invaghito della fidanzata di Trifone.

Tra le altre ipotesi spunta anche la presunta omosessualità di Ruotolo: viveva un amore segreto e tormentato con Trifone? Ed ancora: il militare ucciso aveva sedotto prima Rosaria e poi Giosuè? Domande attualmente senza risposta in merito al duplice delitto di Pordenone sul quale al momento risiede il massimo riserbo. Per maggiori sviluppi sull'uccisione dei due fidanzati o per altre notizie di cronaca nera del momento, vi invitiamo a cliccare 'Segui' in alto a sinistra.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto