Il figlio della famosa presentatrice Simona Ventura e dell’ex calciatore Stefano Bettarini, Niccolò Bettarini, è stato colpito da 9 coltellate nella notte a cavallo tra il 30 giugno e il 1 luglio. Il ragazzo si trovava al di fuori della discoteca “Old Fashion” di Milano, in via Alemagna, dopo aver trascorso una piacevole e tranquilla serata all’interno del locale.

La dinamica della rissa in cui è stato coinvolto il figlio di Stefano Bettarini e Simona Ventura

Secondo la ricostruzione dei fatti emersa nelle ultime ore, pare che la serata in discoteca sia stata abbastanza tranquilla, così come ci ha tenuto a puntualizzare anche il proprietario Roberto Caminardi.

Una volta terminata, però, gli animi si sarebbero inquietati. Un amico di Niccolò avrebbe discusso con altre persone al di fuori del locale generando l’intervento di Bettarini che, per aiutare l’amico in difficoltà, si sarebbe intromesso nella discussione. La lite sarebbe, dunque, sfociata nell’aggressione del diciannovenne e 9 sarebbero le coltellate infertegli. Il ragazzo, ad ogni modo, è stato immediatamente soccorso dai medici del 118 i quali l’hanno portato rapidamente in codice rosso all’ospedale più vicino, il Niguarda, luogo in cui è stato sottoposto a tutti gli esami del caso.

Le condizioni di salute di Niccolò Bettarini e le parole del proprietario del locale

Le ferite sono state molteplici, i tagli gli hanno provocato la fuoriuscita di molto sangue e la lesione di un tendine dell'avanbraccio.

Al momento questo è tutto ciò che si sa in merito alle condizioni di salute del ragazzo. Nonostante la delicatezza e la gravità della situazione, tuttavia, Niccolò non sembra essere in pericolo di vita, come confermato anche dalla madre.

Il proprietario del locale [VIDEO], Roberto Caminardi, ha voluto spendere qualche parola in merito all’accaduto ed ha detto: “Conosciamo Bettarini, se ci fossero stati problemi nel locale ci avrebbe informati”. Il tutto, quindi, si sarebbe verificato al di fuori dell’edificio a chiusura di serata. Caminardi, infatti, ha dichiarato di aver sentito dei rumori molesti all’esterno della discoteca e di aver mandato prontamente la Security a controllare. Solo in quel momento si sarebbero resi conto dell’accaduto. L’arrivo tempestivo dell’ambulanza ha fortunatamente evitato che potesse accadere il peggio. Nel frattempo si attendono ulteriori aggiornamenti in merito alle condizioni di salute del ragazzo.