La giovane figlia di Michael Jackson, Paris Jackson di 20 anni, ieri sabato 16 marzo, è stata improvvisamente ricoverata all'ospedale di Los Angeles. Secondo Tmz, che ha riportato la notizia, la ragazza sarebbe stata ricoverata per un presunto tentato suicidio causato dall'uscita del documentario Leaving Neverland, che avrebbe riportato alla luce le varie accuse di pedofilia che interessarono suo padre, scomparso nel 2009. Sembrerebbe, però, che la ragazza in seguito alla notizia abbia negato l'intero episodio.

Pubblicità

Paris Jackson nega tutto

Secondo quanto ha annunciato Tmz, i soccorsi sarebbero stati allertati verso le 7:30 di mattina con una chiamata arrivata direttamente dalla casa della ragazza a Los Angeles. Secondo le varie indiscrezioni sembrerebbe che la giovane Paris Jackson avrebbe tentato il suicidio tagliandosi le vene. Un'ora dopo l'accaduto i soccorsi sarebbero immediatamente intervenuti, trasportando d'urgenza la ragazza in ospedale. Subito dopo l'annuncio della notizia la ragazza ha risposto al post sul profilo Twitter di Tmz, smentendo interamente l'accaduto, dichiarando: "Siete dei fottuti bugiardi!".

Leaving Neverland: il documentario

Il docu-film Leaving Neverland è stato mostrato al Sundance Film Festival ed è stato diretto dal regista inglese Dan Reed. Il documentario racconta delle accuse presentate da James Safechuck e Wade Robson contro Michael Jackson. Le famiglie dei due giovani all'epoca frequentavano spesso l'artista, oggi i due ragazzi hanno circa trent'anni e nel film hanno raccontato le loro storie, confermando e avvalorando le loro tesi sugli "ipotetici" abusi sessuali ricevuti da Jackson.

Pubblicità

Tuttavia non ci sarebbero prove autorevoli delle "possibili violenze" eseguite dal cantante nei confronti di Safechuck e Robson, che all'epoca dei fatti supposti avevano rispettivamente 7 e 10 anni.

Il documentario ha generato un chiasso inatteso in tutto il mondo e delle ripercussioni inaspettate. Louis Vuitton, ha voluto addirittura ritirare tutti i capi della sua collezione invernale dedicata a Michael Jackson. Alcune emittenti radio in Nuova Zelanda e in Canada, invece, hanno interrotto la messa in onda di tutte le canzoni dell'artista, mentre I Simpson hanno cancellato dalla scaletta un intero episodio in cui il cantante dava la voce ad uno dei personaggi del cartone animato.

Al momento Leaving Neverland è il terzo film di successo su Hbo e in Italia verrà trasmesso sul canale Nove il 19 e 20 marzo in due diverse puntate della durata di due ore ciascuna.