Il mondo delle notizie è complesso e le storie e le immagini fake sono spesso ampiamente condivise sui social media. Il team editoriale di Blasting News individua ogni settimana le bufale più popolari e le informazioni fuorvianti per aiutarti a distinguere la verità dalla falso. Ecco le affermazioni più condivise di questa settimana, di cui nessuna è vera.

Stati Uniti d'America

Affermazione: Trump ha twittato sulla morte di Maradona, confondendolo con la cantante pop Madonna

Fatti: un tweet presumibilmente dall'account ufficiale di Donald Trump afferma: "È molto triste apprendere della morte di Maradona. Una persona fantastica. La sua musica era meravigliosa. Ricordo che ascoltavo suoi album nei primi anni ’80. Riposa in pace!"

Verità: il tweet non è stato condiviso dall'account ufficiale di Donald Trump, riferisce Reuters.

È stato inventato. Nessun tweet che si riferisce a Maradona compare sull'account Twitter ufficiale di Trump e non sono state trovate versioni archiviate cancellate, riferisce Reuters.

USA / Spagna

Affermazione: George Soros è stato arrestato per aver interferito nelle elezioni statunitensi

Fatti: nei social media viene condiviso un articolo in cui si afferma che il miliardario George Soros è stato arrestato ed è attualmente in custodia federale a Filadelfia accusato di aver interferito nelle elezioni.

Il testo, pubblicato sul sito Your News Wire, afferma che si basa su un documento presumibilmente "condiviso su diversi siti del dark web". L'articolo include un'immagine della presunta accusa contro Soros, insieme a quella in cui il "giudice ha vietato la pubblicazione dell'arresto di Soros".

Verità: parlando con AFP Fact Check, Laura Silber, portavoce dell'organizzazione filantropica di Soros Open Society Foundation, ha affermato che la notizia è "totalmente falsa".

Secondo Snopes, il documento presentato nell'articolo è in realtà una versione manipolata di un effettivo atto d'accusa emesso il 19 ottobre 2020 contro sei hacker russi accusati di cyber attacchi "intesi a sostenere gli sforzi del governo russo per indebolire o destabilizzare” diverse entità estere.

Stati Uniti d'America

Affermazione: una macchina fotografica contenente foto dell'affondamento del Titanic è stata ritrovata nell'oceano

Fatti: un post condiviso sui social media afferma: “È stata trovata una macchina fotografica nelle profondità dell'oceano contenente immagini drammatiche del Titanic che affonda.

Cosa devono aver provato i sopravvissuti mentre assistevano a una nave così grande e straordinaria scivolare lentamente nell'acqua gelida portandosi dietro così tante persone amate?” Il post mostra una foto in bianco e nero della barca.

Verità: come sostiene FullFact, l'immagine non è una fotografia. È un dipinto realizzato nel 1996 da Ken Marschall, un artista che ha lavorato al film "Titanic". È stato anche usato come copertina di Life Magazine nel 1997, quando il film è uscito nelle sale.

Stati Uniti d'America

Affermazione: i sistemi attraverso i quali si è votato sono stati realizzati in Venezuela sotto la direzione di Hugo Chavez "per assicurarsi di non perdere mai un'elezione", denuncia l'ex avvocato di Trump Sidney Powell

Fatti: giovedì 19 novembre, il team legale di Donald Trump ha tenuto una conferenza stampa in cui ha presentato accuse contro i risultati delle elezioni statunitensi.

L'avvocato di Trump Sidney Powell ha dichiarato: "Il Dominion Voting Systems, un software con tecnologia Smartmatic, e il software che viene usato in altri sistemi di voto computerizzati anche qui, non solo il Dominion, sono stati creati in Venezuela sotto la direzione di Hugo Chavez per assicurarsi di non perdere mai le elezioni dopo che un referendum costituzionale ha avuto un risultato che lui non voleva".

Verità: Il Dominion Voting Systems non è legato al Venezuela, né ha legami con Smartmatic, ha confermato Eddie Perez, un esperto della tecnologia di voto presso l'Open Source Election Technology (OSET) Institute, riferisce l'AP. Inoltre, Smartmatic afferma sul suo sito che non è associato a governi o partiti politici di alcun paese, sottolinea l'AP.

Il 22 novembre, a cause delle affermazioni false condivise da Powell, la campagna di Trump ha preso le distanze dall'avvocato affermando su Twitter: "Sidney Powell lavora in proprio. Non è un membro del Trump Legal Team. Inoltre non è un avvocato del presidente”.

Stati Uniti d'America

Affermazione: Joe Biden ha organizzato la festa di compleanno e non ha indossato la mascherina

Fatti: il 20 novembre, il presidente eletto Joe Biden ha festeggiato il suo 78esimo compleanno. Il sindaco di Atlanta, Keisha Lance Bottoms, gli ha fatto gli auguri su Twitter scrivendo: "Auguro al nostro presidente eletto @joebiden un felice compleanno dal grande stato blu della Joe'gia!”.

I due politici sono circondati da una folla e nessuno indossa la mascherina. I siti web conservatori, come Conservative Today e Daily Patriot Post, hanno puntato l’attenzione sul video dicendo: "Non ti è permesso celebrare il Ringraziamento con la tua famiglia, ma Joe Biden e le sue centinaia di amici possono riunirsi, senza mascherina, e festeggiare come se fosse il 1999. "

Verità: Keisha Lance Bottoms ha risposto alle voci su Twitter scrivendo: “Pre-Covid! è stato girato nello @TPStudios della Casa Bianca dopo il dibattito su @DNC @msnbc il 20/11/19 ".

Nigeria

Affermazione: l'uomo più ricco d’Africa offre aiuto su Facebook ai giovani colpiti dalla Covid-19

Fatti: un post di una pagina Facebook chiamata Dangote Foundation, condiviso migliaia di volte, afferma che il miliardario Aliko Dangote, l'uomo più ricco d’Africa, sta offrendo denaro, cibo e altra assistenza a 10.000 giovani che hanno perso i propri cari a causa della pandemia di Covid-19.

Verità: creata il 26 ottobre 2020, la pagina Facebook della Fondazione Dangote, che ha pubblicato il post, non è ufficiale. La pagina ufficiale della fondazione è stata creata nel 2017. Secondo AFP Fact Check, Aliko Dangote ha effettivamente elargito grandi donazioni per aiutare i nigeriani a riprendersi dagli effetti della Covid-19, ma né lui, né la sua fondazione hanno pubblicato offerte su Facebook.

Corea del Sud

Affermazione: la Germania chiude 66 unità dell'Istituto Confucio legate al governo cinese

Fatti: post condivisi su Facebook affermano che il governo tedesco ha chiuso 66 unità dell'Istituto Confucio, collegate al ministero cinese dell'Istruzione. I post includono uno screenshot di un articolo di notizie coreano, il quale riporta una foto della cancelliere tedesca Angela Merkel e la frase: "Merkel si è finalmente svegliata?".

Verità: secondo AFP Fact Check, l'articolo citato nei post è stato pubblicato su YouTube il 20 novembre 2020 dal canale NTD Korea. Il video afferma che "entro la fine del 2020, 63 università, due governi e un ente legato all’istruzione negli stati occidentali interromperanno la loro collaborazione con gli istituti Confucio". Tuttavia, il rapporto non dice che tutte le "63 università, i due governi e l’ente" siano in Germania. Inoltre, l'Istituto Confucio afferma sul suo sito di avere solo 19 centri in Germania, non 66, come affermato nelle pubblicazioni di Facebook.

PAKISTAN

Affermazione: gli Emirati Arabi Uniti hanno bloccato il rilascio dei visti per i pakistani e altri cittadini provenienti da paesi musulmani a causa del loro rifiuto di riconoscere lo stato di Israele

Fatti: un post su TikTok è stato condiviso il 21 novembre e visto migliaia di volte, scrive AFP.

Nel post si legge: "Il Pakistan non riconosce Israele, quindi Dubai ha sospeso i visti per il Pakistan" e "non appena le leggi islamiche avranno fine a Dubai, i visti per i paesi musulmani saranno proibiti. Se Dio vuole, una calamità gli farà presto visita”, traduce l'AFP dall'urdu all'inglese. È stato anche condiviso su Facebook e YouTube.

Verità: il Ministero degli Affari Esteri pakistano ha affermato che le nuove restrizioni sui visti degli Emirati Arabi Uniti "si ritiene siano collegate alla seconda ondata di COVID-19", riferisce l'AFP. Zahid Hafeez Chaudhri, portavoce del ministero degli Esteri, ha condiviso una dichiarazione pubblicata il 18 novembre: “Abbiamo appreso che gli Emirati Arabi Uniti hanno temporaneamente sospeso l'emissione di nuovi visti, fino a nuovo annuncio, per 12 paesi, incluso il Pakistan.

Si ritiene che la misura sia correlata alla seconda ondata di COVID-19. Stiamo cercando una conferma ufficiale da parte delle autorità degli Emirati Arabi Uniti interessate al riguardo”.

Brasile

Affermazione: i leader del movimento Black Lives Matter è finanziato dal governo cinese

Fatti: sui social media è stato condiviso lo screenshot di un articolo pubblicato sul sito del Jornal da Cidade Online con il seguente titolo: "Leader e co-fondatore di Black Lives Matter ha un progetto" finanziato "dalla Cina". Il fatto che Alicia Garza sarebbe stata indirettamente finanziata dal Partito Comunista Cinese attraverso una ONG legata al governo del Paese asiatico, è stata originariamente pubblicata su un blog conservatore americano chiamato The Daily Signal.

Verità: secondo le informazioni del New York Times, l'articolo pubblicato sul Daily Signal ha confuso due organizzazioni non profit con lo stesso nome, dando vita ad affermazioni errate sui legami tra l'organizzazione di Garza e il governo cinese. Entrambi si chiamano Chinese Progressive Association. Uno ha sede a Boston, l'altro a San Francisco. L'organizzazione di Boston ha legami con il governo cinese. Tuttavia, la Chinese Progressive Association che ha collaborato con l'organizzazione di Garza è quella con sede a San Francisco, che non ha alcuna relazione con quella di Boston o con il governo cinese.

America Latina

Affermazione: il vicepresidente venezuelano annuncia una "pausa" dal coronavirus

Fatti: un video condiviso su Twitter e Instagram mostra il vicepresidente del Venezuela, Delcy Rodríguez, fare dichiarazioni su un "accordo" per "mettere in pausa" il coronavirus per una settimana.

"Secondo quanto deciso domenica dal presidente, potrete uscire per strada, non avrete problemi di contagio perché é stato firmato un accordo con questo virus", si sente nel video.

Verità: secondo le informazioni del servizio di fact checking del quotidiano peruviano La República, la dichiarazione di Delcy Rodríguez è stata manipolata digitalmente, estrapolandola da un video originariamente pubblicato il 13 novembre 2020. In quell’occasione, dopo un incontro con i rappresentanti del governo russo, il Il vicepresidente venezuelano ha parlato della negoziazione di un'alleanza per l'acquisto e la produzione di dosi del vaccino Sputnik-V contro la Covid-19.

Segui la nostra pagina Facebook!