Un ponte artistico voluto e promosso da un gruppo di musicisti pugliesi che hanno scelto l'Africa come approdo musicale e occasione di interscambio "culturale", che porterà sicuramente beneficio alla nostra regione. I protagonisti di questa bella iniziativa sono i "Puglia Jazz Factory" e sono un insieme di musicisti che hanno dato prova, nelle proprie individualità artistiche, di grande creatività musicale con forte propensione alla sperimentazione. La condivisione con l'Africa non è solo un appuntamento itinerante, ma il bisogno di nuove forme musicali fatte di contaminazioni culturali. Il progetto è sostenuto dal Ministero degli affari esteri in concerto con la Fondazione Musica per Roma.

Dopo il viaggio in Africa, il gruppo si ritroverà a Bari in occasione del Medimex il 1 novembre 2014.

Puglia Jazz Factory nasce in maniera del tutto casuale, in occasione del "Roma Jazz festival", con grandi consensi di pubblico e dove vede la presenza di nomi noti nell'ambiente jazzistico. La caratteristica di questo collettivo musicale è anche lo "sconfinamento" dal jazz verso altri generi musicali come il pop e il rock, in un mix innovativo, sperimentale, originale e godibile. L'occasione è buona per sottolineare l'importanza di Medimex, di PugliaSounds, nel contesto musicale pugliese e un grande evento a Bari, che si presenta ancora una volta, nella sua IV edizione (dal 30 ottobre al 1 novembre p.v.) come "hub" culturale che coinvolge diverse culture musicali in transito e per il Mediterraneo, sfruttando al massimo una posizione geograficamente strategica.

I migliori video del giorno

Medimex è una grande vetrina con oltre 800 mq e con 100 eventi dedicati alla musica e al mondo artistico in generale. Già dalle passate edizioni, la manifestazione risulta essere un vero e proprio contenitore culturale che ogni Artista dovrebbe visitare e da condividere attraverso le proprie esperienze artistiche. Insomma, ancora una volta la Puglia, dopo il successo delle "notti della Taranta", si rivela una vera e propria fonte artistica e culturale che bisogna salvaguardare e sostenere.