Marcia indietro di Sony Pictures Entertainment. Dopo aver ritirato il film dalla sale per gli attacchi informatici subiti nei giorni scorsi, e le conseguenti reazioni contrarie alle decisione, arrivate da tutte il mondo, ad iniziare dallo stesso presidente americano Barack Obama, la major hollywoodiana torna sui suoi passi è autorizza la proiezione:"The Interview" uscirà a Natale negli Stati Uniti. La distribuzione è limitata a circa 200 sale che contattate dal colosso cinematografico si sono dichiarate disponibili alla proiezione della pellicola. La vicenda a scatenato una cyber-guerra tra Stati Uniti e Corea del Nord. Il regime nordcoreano è accusato di essere dietro i pirati informatici che nei giorni scorsi hanno colpito duramente i computer della Sony Pictures, fino a portare alla decisione di ritirare il film, secondo Sony in realtà da richiesta delle sale sentitesi minacciate.

Tra lunedì 22 e martedì 23 dicembre, per circa dieci ore, ai pochi che ne hanno accesso, è stata oscurata la rete in Corea del Nord: blackout totale di internet nel Paese di Kim Jong-un. Sembrerebbe una rappresaglia in risposta agli attacchi dei pirati alla Sony. I due stati continuano comunque a negare di essere coinvolti direttamente negli attacchi informatici. Il trailer del film era stato diffuso a giugno e la reazione del regime nordcoreano fu durissima da subito: "un atto terroristico, una dichiarazione di guerra". In ultimo qualche dubbio. E se fosse solo, in parte o addirittura in toto, una questione di marketing?. E inoltre, premesso che il regime di Kim Jong-un è indifendibile, se fosse successo il contrario? Ad esempio, se magari uno stato islamico avesse lanciato una commedia con trama l'uccisione di Obama, quale sarebbe stato il tasso di gradimento della Casa Bianca?

Il film - The Interview, una satira sul regime nord coreano, racconta dell'immaginario complotto della CIA per assassinare il dittatore nordcoreano Kim Jong-un, il più giovane capo di stato al mondo.

I migliori video del giorno

I protagonisti della commedia, diretta da Evan Goldberg e Seth Rogen, sono Dave Skylark(James Franco) e Aaron Rapoport (Seth Rogen). Il primo è un famoso conduttore di talk show che intervista personalità del mondo, il secondo e il produttore del talk. I due oltre che lavorare assieme sono stretti da grande amicizia e riescono a realizzare il progetto del sogno di un'intervista a Kim Jong-un. In procinto di partire per la Corea del Nord sono contattati dalla CIA che chiede loro di assassinare Kim.