Frankenstein sta per compiere 200 anni e li festeggerà con due film. Infatti Mary Shelley abbozzò il suo celebre romanzo nel maggio del 1816, anche se lo pubblicò in forma anonima due anni dopo.Ma cominciamo dalla fine, o meglio dall'attualità. Il 17 marzo infatti sarà in sala FRANKεN5Tε1N, adattamento del romanzo diretto e prodotto da Bernard Rose, l'autore della serie di Candyman (il cui protagonista principale è ora nel cast anche di questo film, nei panni di un mendicante cieco).

Il film di Rose sposta l'azione dal XIX secolo ai giorni nostri, a Los Angeles. Il dottor Frankenstein (Danny Huston) e sua moglie (Carrie-Ann Moss) sono una coppia di scienziati che danno vita a una creatura (Xavier Samuel) ribattezzata Adamo con una stampante 3D. Tuttavia la Creatura si rivela infetta e il team decide di sopprimerla. Adam fugge e si avventura nella metropoli, dove sarà aiutato da un mendicante cieco e perseguitato dalle forze dell'ordine.Produzione a basso costo, con la particolarità che la voce narrante è quella della stessa Creatura, con brani presi di peso dal romanzo, FRANKεN5Tε1N non brilla per originalità.

Uscirà invece il 6 aprile Victor - La storia segreta del dott. Frankenstein. Diretto da Paul McGuigan e interpretato da James MacAvoy (Victor Frankenstein) e Daniel Radcliffe (Igor Strausman). In questo caso la vicenda sarà narrata dal punto di vista di Igor, assistente e amico del dottore, come lui ossessionato dall'idea di “salvare” l'umanità dalla morte.

Un libro, cento film

Secondo i calcoli dell'Internet Movie Database, dal 1910 a oggi sono state quasi cento (mettendoci dentro anche cartoni animati come Hotel Transylvania e le parodie) le pellicole tratte dal romanzo della Shelley.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cinema

Tra di essi anche Il mostro di Frankenstein, diretto da Eugenio Testa nel 1920 e andato perduto.

È interessante notare come il film di Testa indichi correttamente che Frankenstein non è il nome del Mostro (o della Creatura, se preferite), ma del suo creatore, quando ormai il nome “Frankenstein” è ormai da tempo sinonimo di attività scientifica innaturale e mostruosa appunto.

Quello della Shelley (nata nel 1797 da William Godwin, filosofo e Mary Wollstonecraft, autrice della prima dichiarazione dei diritti della donna, moglie del poeta Percy Bysshe Shelley e morta nel 1851) è di solito inserito nel filone dei romanzi gotici e horror, ma nella Prefazione leggiamo che “secondo il dottor Darwin e alcuni fisiologi tedeschi l'evento su cui si fonda questo racconto non è da considerarsi impossibile”. Il Darwin citato non è, ovviamente, l'autore dell'Origine delle specie, ma il nonno, Erasmus (1731-1802), naturalista e poeta.

Il Prometeo Moderno

L'alfiere della teoria della selezione naturale e del positivismo scientifico è quindi collegato, in maniera particolare, a una storia che non vuole essere soprannaturale, ma scientifica e morale. Il sottotitolo del romanzo è Il Prometeo Moderno: come Prometeo rubò il fuoco agli dei, il dottor Frankenstein ruba il segreto dell'immortalità. Ed entrambi sono puniti per il loro gesto.

Frankenstein, o Il Prometeo Moderno sta all'inizio di un arco, storico e culturale, che si chiuderà nel 1897, esattamente 80 anni dopo, con l'arrivo in libreria delDracula di Bram Stoker (che come il testo della illustre collega è costruito con un collage di voci diverse).La fede nella scienza ha ceduto il passo a quella nella magia nera e l'immortalità, conquistata non in laboratorio ma per vie oscure, va preservata e alimentata con il sangue, non l'elettricità.

In quel fatidico maggio 1816, Mary e il marito furono ospiti di Lord Byron in una villa sul lago di Ginevra, assieme al medico e segretario del poeta, John William Polidori. Per ingannare il tempo, Byron propose che ognuno scrivesse una storia di fantasmi: un fatto che nel 1986 fu raccontato da Ken Russell nel film Gothic. Dei quattro, solo due svilupparono gli abbozzi: la Shelley quello di Frankenstein, Polidori di un personaggio chiamato Lord Ruthven, un vampiro.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto