Una recente ricerca, condotta dal Museo Egizio del Cairo, dall'Università del Fayoum e dalla società Xglab, con la collaborazione dell'Italia, presente con il Politecnico di Torino e Milano, l'università di Pisa e il Cnr, ha risolto il mistero di uno dei due pugnali trovati nella mummia di Tutankamon, il Faraone egiziano, dando l'assoluta certezza che esso è di orgine meteoritica. Tutankamon, il faraone bambino, morto alla giovane età di diciotto anni, ha sempre appassionato gli studiosi di Archeologia di tutto il mondo.

Un mistero che appassiona dal 1922

Nel 1922 fu scoperta la sua tomba e nel 1925 fu aperto il sarcofago che conteneva la sua mummia.

Al suo interno, sono stati ritrovati anche due pugnali, uno in oro e l'altro in ferro. E' proprio su questo in ferro che si sono concentrati gli studiosi. Tutti e due erano infilati nelle bende della mummia. Il risultato è stato pubblicato sulla rivista Meteoritics and Planetary Scienze. L'analisi chimica, non invasiva, effettuata nel 2014 con la tecnica della fluorescenza di raggi X sul pugnale, attesta che la sua lama contiene nichel e cobalto in concentrazioni osservate nelle meteoriti metalliche e che quindi, il ferro con cui è stato forgiato il pugnale è stato ricavato proprio da un meteorite caduto nel deserto egiziano circa 3000 anni fa.

Tutankamon e il mistero degli extraterrestri

Ancora oggi, nel deserto egiziano si trovano innumerevoli frammenti di meteoriti.

La perfezione della lama e l'alta qualità della fattura del pugnale, conferma l'alto livello raggiunto in Egitto nella lavorazione del ferro già all'Epoca di Tutankamon. Intorno alla figura dello sfortunato faraone d'Egitto aleggiano misteri e leggende, alcuni lo considerano un ibrido degli alieni. Infatti, molto spesso per dare una spiegazione, si associano questi misteri sulla sua figura agli extraterrestri.

Invece, lo studio effettuato sul pugnale e la scoperta nel 2010 di un cratere meteoritico nella Valle dei Re, ha tolto ogni dubbio, stabilendo che il metallo del pugnale di Tutankamon non ha nulla di alieno.

Segui la nostra pagina Facebook!